Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2009

Tumori: seno colpire cellule del sangue

Tumori: seno, colpire cellule sangue Piuttosto che accanirsi con la chemioterapia, studio Usa- Italia
(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Piu' efficace colpire le cellule che circolano nel sangue piuttosto che accanirsi con la chemioterapia per curare il tumore al seno. E' il risultato di uno studio condotto da Massimo Cristofanilli dell'Md Anderson Cancer Center di Houston (Texas, Usa) in collaborazione con Paola Gazzaniga e Giuseppe Naso dell'universita' La Sapienza di Roma, secondo i quali le cellule tumorali circolanti potrebbero rappresentare le cellule che sostengono il processo che da' luogo alle metastasi.

Cancro al seno, ecco la prevenzione ideale secondo Veronesi

Cancro al seno, ecco la prevenzione ideale secondo Veronesi







"Un'ecografia all'anno per tutta la vita, a partire dai 30 anni; dai 40 anni aggiungere anche la mammografia annuale". Questa la prevenzione ideale contro il tumore al seno "secondo l'esperienza" di Umberto Veronesi. "Se tutte le donne seguissero questo semplice schema - ha aggiunto l’oncologo- avremmo certamente una forte riduzione del rischio di avere malattie gravi".



Le raccomandazioni del direttore scientifico dell'Ieo si rifanno anche al suo progetto di ricerca Mortalità Zero, che spiega così: "Abbiamo scoperto che quando un tumore viene individuato solo dagli esami strumentali (come mammografia, risonanza magnetica e altro) e non è ancora percepibile alla palpazione, necessita di interventi molto delicati perché, essendo piccolissimo, è difficile andarlo a pescare, ma, una volta operato guarisce nel 99,3% dei casi".


Questo dato - ricavato allo Ieoin seguito ai risulta…

Tumore al seno: antidepressivi pericolosi per la terapia

Tumore al seno: antidepressivi pericolosi per la terapia

Mercoledì, 10 Giugno 2009.

Foto "Tumore al seno e antidepressivi "
Quando una donna si ammala di tumore al seno, oltre a dover fare i conti con la malattia e lottare per guarire deve essere sottoposta alla menopausa indotta e poi alla terapia ormonale, tutto questo è molto stressante ed è per questo che poi la maggior parte scelgono un supporto farmacologico per curare o prevenire la depressione.



Sopravvivere al tumore al seno ormai non è più un miraggio, la diagnosi precoce e la ricerca hanno fatto molto ed adesso una diagnosi di questo tipo è ben lontana dall’essere una sentenza di morte.


In questi giorni si è svolto il meeting annuale dell’American society of clinical oncology, uno degli eventi più importanti del settore in cui vengono presentate le ricerche e si hanno dibattiti per capire come agire. Proprio in questa occasione sono stati condivisi i dati di una ricerca in cui è stato monitorato la ricaduta della malatt…

Seno, un nuovo farmaco per le forme più aggressive

Seno, un nuovo farmaco
per le forme più aggressive
Una molecola aiuta a proteggere dalle metastasi cerebrali e viene somministrato per bocca

MILANO - Arriva anche in Italia la pillola anti-metastasi per il cancro al seno. Il farmaco, lapatinib, sarà somministrato con la procedura «pay for performance», una modalità che prevede che l’azienda rimborsi le spese sostenute dall'ospedale per il farmaco se questo non fa effetto sulla paziente. L’accordo fra l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) e la casa farmaceutica produttrice del medicinale prevede, infatti, 12 settimane di prova per verificare l’effettiva efficacia del farmaco su ciascuna paziente. Se la progressione del tumore si blocca, come hanno dimostrato le sperimentazioni cliniche, la paziente proseguirà la terapia e lo Stato sosterrà il costo delle compresse. In caso contrario, il ciclo terapeutico sarà a carico dell’azienda produttrice.

IL NUOVO FARMACO - Lapatinib (che arriva in Italia come ultimo paese europeo dopo essere a…