Passa ai contenuti principali

Appuntamento con la bellezza

Appuntamento con la bellezza
Dal 28 settembre al 1 ottobre a Sanremo il 58° Congresso SICPRE

Il 2009 è un anno in cui il settore della chirurgia e medicina estetica è in totale controtendenza rispetto alla crisi economica mondiale. Dimostra come le persone scelgano di investire sul proprio benessere, sul rapporto con se stessi, ma anche sull'aspetto fisico come strumento di relazione per essere competitivi. Il trend positivo ha dato enorme impulso alla ricerca di nuove tecniche che secondo le richieste di specialisti e pazienti devono essere efficaci ma soprattutto sicure.

In questo contesto sta per partire il 58° Congresso SICPRE, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, l'appuntamento del "Gotha" della chirurgia plastica italiana, dal 28 settembre all'1 ottobre a Sanremo. Saranno presentate per l'occasione le ultime frontiere del settore.

Se uno speciale Simposio celebrerà i 20 anni d'uso della tossina botulinica per uso estetico, un ampio capitolo sarà dedicato al "lipofilling" ossia al trapianto del proprio tessuto adiposo in altri distretti corporei come il volto, per aumentarne i volumi, o il seno per un riempimento "ecologico" di cui si sta parlando molto negli ultimi tempi. Saranno celebrati i 50 anni delle protesi mammarie che nella loro affascinante storia hanno conquistato un posto d'onore con 150mila interventi all'anno in Europa e circa 280mila negli Stati Uniti.

Un approfondimento sarà dedicato al problema dell'obesità, vera patologia ormai a diffusione epidemica. Il paziente obeso viene visitato e inquadrato sia dal punto di vista clinico che diagnostico dal nutrizionista, dall'internista, dall'endocrinologo, dal chirurgo bariatrico, dal riabilitatore e dal chirurgo plastico. La chirurgia plastica può intervenire sia come atto terapeutico iniziale sia a completamento di un iter multidisciplinare: in questo caso il ruolo del chirurgo plastico consiste nell'effettuare un rimodellamento corporeo (Body Contouring).

Per ciò che riguarda l'estetica del viso, l'attenzione sarà dedicata alle nuove acquisizioni del "gel piastrinico", un emocomponente con elevate concentrazioni di piastrine che è in grado di liberare numerosi fattori di crescita ed essere impiegato quindi nei processi di guarigione, riparazione e rigenerazione dei principali tessuti. Utilizzato su decine di migliaia di pazienti ha mostrato potenzialità interessanti in diversi ambiti clinici: ortopedia, chirurgia maxillo-facciale, dermatologia, chirurgia vascolare, ma anche geriatria e chirurgia estetica.

Il Congresso affronterà le tematiche relative alle più recenti tecniche di "allotrapianto" per restituire a pazienti oncologici o traumatizzati un aspetto gradevole. La magnifica mimica di un viso, determinata da 43 muscoli capaci di sviluppare circa 10mila micro-espressioni diverse, può essere recuperata grazie alle più raffinate tecniche di microchirurgia del volto, di cui si parlerà approfonditamente. Il trapianto di volto, o meglio di componenti come pelle, tessuti molli e ossa prelevati da donatore defunto, comincia a emergere come una valida opzione di trattamento in caso di traumi e deformità congenite in attesa delle future conquiste delle biotecnologie.

La straordinaria evoluzione delle possibilità tecniche e dei nuovi ritrovati ha spinto a concedere particolare spazio agli aspetti normativi e legislativi della professione e in particolare si discuterà del Decreto Legge che istituisce il Registro Nazionale delle protesi mammarie, come da tempo proposto dalla SICPRE.

Un ultimo aspetto riguarda la cura delle ustioni e degli esiti cicatriziali. Molti soci SICPRE sono impegnati in missioni umanitarie, d in particolare il progetto Interplast mira a restituire un volto alle donne sfigurate dall'acido, una pratica comune come "punizione" da parte di padri e mariti in alcuni Paesi asiatici.

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…