Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2009

SAMSUNG PER LA RICERCA DEL TUMORE AL SENO

Samsung Italia donerà parte del ricavato a Susan G. Komen Italia onlus per ogni cellulare Star rosa venduto
Dal 1 novembre al 31 dicembre 2009 Samsung donerà parte del ricavato proveniente dalla vendita del modello Samsung Star (S5230) di colore rosa alla associazione onlus Susan G. Komen Italia impegnata in attività di ricerca e prevenzione ai tumori del seno.



Oltre alla raccolta fondi, Samsung vestirà di rosa alcune delle sue Experience Zone per sensibilizzare sul tema della prevenzione come importante arma di difesa dai tumori.

Sempre dalla fine del mese di ottobre, inoltre, partirà una campagna pubblicitaria outdoor nella città di Milano: con il claim More Than Talk Samsung testimonia il proprio impegno nella lotta ai tumori del seno e inviterà i consumatori ad una maggiore sensibilizzazione verso questa problematica.

Dalla mastectomia alla chirurgia conservativa del seno, la scienza ha fatoo enormi passi avanti: a cura di Umberto Veronesi

Dalla mastectomia completa alla chirurgia conservativa del seno, la scienza ha fatto enormi passi avanti. Come racconta un grande oncologo
La primavera fa pensare alla vita e l'azalea della ricerca, che da 25 anni in questa stagione appare nelle piazze e nelle strade per iniziativa dell'Associazione italiana per la ricerca sul cancro, è un appuntamento con la vita.

Perché dico questo? Perché questi 25 anni simboleggiati dall'azalea della ricerca corrispondono a una vera rivoluzione nella cura dei tumori femminili e a progressi quasi impensabili, risultato di ricerche avanzate che si sono poste come obiettivo la salvaguardia della vita e della salute delle donne. Dalla diffusione della chirurgia conservativa del seno alla disponibilità di trattamenti mirati, fino alla diffusione dell'assistenza psicologica alle pazienti, tutto concorre a spiegare il rapido miglioramento delle prognosi.

Vorrei cominciare dal tumore del seno, il campo in cui mi sono principalmente battut…

Lilt, un concerto contro il tumore al seno

Salute

Una serata di sensibilizzazione in Cittadella

Lilt, un concerto contro il tumore al seno

di G.G.


Venerdì 30 ottobre, presso la Cittadella di Alessandria, alle 20, si terrà un concerto, eseguito dall’Orchestra Classica di Alessandria, promosso dalla Lega Italiana Tumori.
La LILT, tra le sue missioni, ha quella di prevenire e diagnosticare precocemente le neoplasie, attivando visite ambulatoriali, all’interno dell’Ospedale S.S. Antonio e Biagio, completamente gratuite per tutto l’anno.

I primi ambulatori di Senologia e di Ginecologia divengono operativi per la prima volta nel 1994, anche se già dal 1985 si effettuano visite di senologia gratuite. Ad oggi gli ambulatori sono 7: Senologia, Ginecologia, Dermatologia, Counselling riabilitativo, Psico-Oncologia, Dietologia e Oncologia, Maxillo Facciale.

Le prestazioni mediche sono Pap-test e Pap-net per prevenire i tumori al collo dell’utero, visite senologiche per quelli della mammella, mappatura nei con videotermatoscopio per quelli del…

Lotta ai tumori e prevenzione, tavola rotonda della Lilt alla 'Cattolica'

Lotta ai tumori e prevenzione, tavola rotonda della Lilt alla 'Cattolica'

CAMPOBASSO. Nonostante l’aumento annuale di nuovi casi, si sta registrando nei Paesi industrializzati una sia pur lenta ma continua diminuzione della mortalità. E questo grazie a una corretta informazione e una maggiore sensibilizzazione verso la diagnosi precoce.

La costante conoscenza della problematica ha reso questa malattia sempre più curabile e, quindi, guaribile. A fronte di circa 40.000 nuovi casi anno di cancro della mammella, la disponibilità di raffinate tecniche di diagnostica strumentale e di terapie innovative, ha permesso di registrare, per la prima volta, un abbattimento della mortalità al di sotto dei 10mila casi l’anno (9.045), con un contestuale progressivo miglioramento della qualità di vita.

La scoperta di un tumore (in genere con la mammografia e l’ecografia) nella sua fase iniziale permette una cura meno aggressiva ed offre maggiori possibilità di guarigione. Essa costituisce oggi l…

Swap Party a Roma per sostenere la ricerca del tumore al seno

L'8 novembre, a Roma, avrà luogo uno Swap Party. Parte del ricavato verrà devoluto all'associazione Susan G. Komen Italia Onlus per sostenere la ricerca contro i tumori del seno.

A Swap Party will take place in Rome on November 8. Part of the proceeds will be handed over to Susan G. Komen Italia Onlus to help the research against breast cancer.

Susan G. Komen Italia Onlus è la prima affiliata internazionale della Susan G. Komen (che ha sede a Dallas) e dal 2000 opera in Italia nel campo della lotta ai tumori del seno. L'evento che più contraddistingue l’associazione è la "Race for the Cure, di corsa contro i tumori del seno", una mini-maratona di 5 km, aperta a tutti, che ha lo scopo di raccogliere fondi per la lotta ai tumori del seno e facilitare un cambio di mentalità in positivo nei confronti della malattia. Le attività, però, non si esauriscono qui e toccano anche la moda. Infatti, il prossimo 8 novembre (dalle 16.30 in poi; per informazioni cliccate qui) Susa…

Cancro al seno e dieta

Cancro al seno e dieta : nuove scoperte

Sanihelp.it - Se si riducono i consumi di carne rossa, di carne cotta a temperature troppo elevate e di prodotti caseari troppi grassi è possibile ridurre il rischio di sviluppare cancro al seno: è quanto sostiene uno studio condotto presso la fondazione IRCCS ovvero presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition.

I ricercatori hanno valutato i dati relativi 367993 donne di 10 diversi paesi europei che hanno partecipato all’European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition study.
Durante il follow-up durato quasi 9 anni 7119 donne hanno sviluppato cancro al seno.
Non è stata riscontrata alcuna relazione significativa fra sviluppo di cancro al seno e consumo di uova, carne e latticini, ma il cancro al seno si sviluppa più facilmente nelle donne che consumano di preferenza carne rossa elaborata o prodotti molto ricchi di burro; quest’ultimo fattore pericoloso esclusivamente…

Tumore al seno: rischi per le ossa

Tumore al seno: a rischio pure le ossa
Venerdì 16 Ottobre 2009 alle 16:32


Le donne colpite da questo terribile male rischiano, oltre che l’aggravarsi del tumore stesso, fratture ossee a causa dello scarso livello di vitamina D. Ciò è emerso dallo studio della malattia fatto presso la Clinica Oncologica del Cancro al Seno di San Francisco.

Luke Peppone, il medico che ha coordinato lo studio, afferma che sulle 166 donne controllate, circa il 70% aveva la vitamina D a livello bassissimo. Ciò causa un indebolimento del corpo che potrebbe abbattere ancora di più lo stato fisico, ma soprattutto psicologico, della paziente. Purtroppo la vitamina viene notevolmente ridotta a causa dei trattamenti chimici per la cura del tumore, cioè cure ormonali e chemioterapia.


È stato inoltre sottolineato che per un maggiore supporto psico-fisico, medici e pazienti devono collaborare per l’assunzione dell’indispensabile vitamina D poiché, secondo le ricerche del Dott. Peppone, un’alta dose settimanale fornis…

Tumore della mammella: un seno sceso è un indicatore di rischio per il cancro

Donne: il seno flaccido è un indicatore di rischio per il cancro

Anche le terapie ormonali aumentano le possibilità di sviluppare la malattia

Per le donne, mostrare un seno cadente dopo aver subito una terapia a base di ormoni può indicare l'aumento di possibilità di contrarre un tumore al seno.

Lo sostiene una ricerca dell'Università della California a Los Angeles (UCLA), sezione David Geffen School of Medicine, diretta dalla dottoressa Carolyn Crandall e pubblicata da "Archives of Internal Medicine".

Gli scienziati hanno lavorato con alcune donne, divise in due gruppi: il primo, ha assunto una dose quotidiana di estrogeni (0,625 mg di estrogeni equini coniugati e di 2,5 mg di medrossiprogesterone acetato), il secondo solo un placebo. Si è così potuto osservare come il rischio di cancro per il primo gruppo era 1,26 maggiore rispetto a quello del secondo. Inoltre, le donne che mostravano un seno cascante avevano il 48% in più di rischio di sviluppare il cancro invasivo a…

Mastoplastica additiva: cosa bisogna sapere

Mastoplastica, cosa può andare storto



Le cose che lei (ma anche lui) deve sapere per affrontare un ritocchino a mente sgombra: dall'età giusta ai rischi, dal tipo di protesi alla "manutenzione"

Ogni anno in Europa si eseguono 150mila interventi di mastoplastica additiva, negli Usa addirittura 280mila. Ma ritoccarsi il seno è un intervento sicuro? Lo si può affrontare a cuor leggero o ci sono rischi dei quali è meglio tenere conto? Lo abbiamo chiesto al dottor Mariano Bormioli, direttore dell'unità di Chirurgia Plastica e Maxillo Facciale dell'Azienda ospedaliera Santa Corona di Savona e presidente uscente della Sicpre, la Società italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica che ha tenuto pochi giorni fa il suo 58esimo Congresso (nel quale si è parlato dei 20 anni del botulino, di "allotrapianto" da donatori defunti, di trapianti di faccia e mano, di biotecnologie e medicina rigenerativa).

Anzitutto, possiamo fare chiarezza su chi opera?
Ci tengo…

Prevenzione tumori al seno e dieta

Presentazione in anteprima nazionale di “Prevenire i tumori mangiando con gusto – A tavola con Diana” di Anna Villarini e Giovanni Allegro, prefazione Franco Berrino, a cura di Nicoletta Pennati , Sperling & Kupfer Editore. Consigliato dall’ Istituto Nazionale Tumori di Milano cui viene destinata una percentuale delle vendite per la ricerca.

° Saranno presenti l’autrice Anna Villarini, ricercatrice e coordinatrice del Progetto nazionale Diana dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano e la giornalista Nicoletta Pennati che ha curato il libro.

°A una ventina di giorni dall’uscita, il libro è già in RISTAMPA!!!

Stare in salute mangiando con gusto è possibile. Senza misurare il cibo con il bilancino, piuttosto scegliendolo con attenzione e cucinandolo seguendo semplici consigli.

Indicazioni e suggerimenti alla portata di tutti frutto della ricerca scientifica maturata, in una quindicina di anni di sperimentazione, all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. DIANA è infatti il nome del P…

Tumori al seno: donne a rischio fratture

TUMORI SENO: DONNE A RISCHIO FRATTURE

- Washington, 9 ott. - E' necessario somministrare alte dosi di vitamina D alle donne con il cancro al seno per diminuire il rischio di fratture ossee. E' quanto emerge da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della University of Rochester e presentato in occasione del simposio dell'American Societyof Clinical Oncology's Breast Cancer di San Francisco. Lo studio ha coinvolto 166 donne sottoposte a trattamento per il cancro al seno. Di queste quasi il 70 per cento aveva bassi livelli di vitamina D nel sangue. "La vitamina D - ha detto Luke Peppone, che ha coordinato lo studio - e' fondamentale per mantenere la salute delle ossa e le donne con il cancro al seno hanno un'accelerata perdita nelle ossa a causa della terapia ormonale e della chemioterapia. E' importante per le donne e per i loro medici lavorare insieme per migliorare la loro assunzione di vitamina D". Secondo i ricercatori, alte dosi di su…

Cancro alla mammella, guarire si può

Cancro alla mammella, guarire si può
- Giovedì 8 Ottobre 2009 alle 09:27

Al via la campagna di sensibilizzazione “nastro rosa” per il mese della prevenzione del cancro al seno. Testimonial d’eccezione Elisabetta Canalis, che invita le più giovani a sciogliere il tabù dell’auto palpazione per imparare a riconoscere il minimo cambiamento del proprio seno.

Ogni anno si registrano un milione di nuovi casi nel mondo, 37 mila solo in Italia e, benché la mortalità sia in calo, sembra crescere il numero delle donne colpite dalla malattia sotto i 40 anni.

Secondo i risultati di una ricerca che Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, ha condotto in collaborazione con Mundipharma su un campione di 500 pazienti con tumore al seno, circa il 60% accusa dolori dovuti alla mancanza di cure adeguate.


Il dolore rende la quotidianità più difficile e inaccettabile, incidendo in modo rilevante sullo stile di vita. Per questo alcuni medici suggeriscono il ricorso, parallelamente alle terapie tra…

Tumori al seno: scoperto un gene responsabile della metà dei casi

TUMORI SENO: GENE RESPONSABILE DI META' CASI
- Londra, 6 ott. - Identificato un nuovo gene che sembra essere implicato in meta' di tutti i casi di cancro al seno. Questo gene, chiamato 'NRG1', ha il compito di impedire che le cellule tumorali si sviluppino, ma i suoi malfunzionamenti possono portare all'insorgenza del cancro. "Questa scoperta e' un enorme passo avanti nella ricerca contro il cancro, uno dei risultati piu' importanti degli ultimi 20 anni", ha detto Paul Edwards dell'University of Cambridge (Inghilterra), autore dello studio pubblicato sulla rivista Oncogene. "NRG1 e' un gene responsabile del funzionamento della morte cellulare programmata", ha spiegato Edwards. "Quando il Dna delle cellule viene danneggiato - ha continuato - 'NRG1' impedisce la loro replicazione ordinando loro di 'suicidarsi'.
In questo modo la crescita incontrollata di cellule maligne viene bloccata". Ma se il gene non …

Ottobre : mese della prevenzione del tumore al seno

Ottobre, l’Italia si tinge di rosa per la lotta contro il tumore al seno
Lunedì 05 Ottobre 2009 00:00
Nel mese di ottobre, l’Italia intera si tingerà di rosa, colore simbolo della lotta contro il tumore al seno: una luce rosa, infatti, unirà idealmente la nostra Penisola con tanti monumenti, edifici e statue che resteranno illuminati per una o più notti a testimoniare che, grazie a un’efficace e corretta prevenzione, questo tipo di tumore si può sconfiggere.

Durante il mese di ottobre i circa 390 ambulatori della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, la maggior parte dei quali all’interno delle 105 Sezioni Provinciali della LILT, saranno a disposizione per visite senologiche. Per conoscere giorni e orari di apertura dell’ambulatorio LILT più vicino, in cui effettuare anche esami di diagnosi precoce e controlli, si può chiamare, per informazioni, il numero verde 800 998 877 o consultare l'elenco degli ambulatori LILT sul territorio italiano nel sito www.lilt.it.

Inoltre…