Passa ai contenuti principali

Tumore al seno: ci sono almeno 10 classi di tumore

Tumore al seno. Un solo nome per  almeno dieci patologie con una firma genetica diversa. A svelare la molteplice natura del cancro al seno, finora considerato come una sola malattia classificabile in quattro grandi sottogruppi, è uno studio pubblicato su Nature. Si tratta della più grande ricerca genetica mai condotta su questa patologia, che potrebbe portare a trattamenti sempre più mirati e personalizzati.

A realizzarla un team internazionale di ricercatori prevalentemente britannici – Cancer Research UK,University of CambridgeUniversity of Nottingham – e canadesi della University of British Columbia Cancer Agency, che hanno analizzato oltre 2.000 campioni di tessuto tumorale, esaminandone attentamente la genetica. Per ogni cellula cancerosa gli scienziati sono andati a guardare quali geni fossero mutati, quali eccessivamente a lavoro e quali invece completamente inattivi. I risultati delle analisi hanno portato Carlos Caldas del Cambridge Research Center, coordinatore dello studio, a creare dieci diversi classi di tumore, chiamate IntCluster 1-10

Per spiegare il loro lavoro, i ricercatori hanno comparato il cancro al seno a una mappa del mondo: con i test impiegati attualmente è possibile identificare solo quattro grandi continenti, mentre loro sono riusciti a individuare anche dieci singole nazioni. I quattro continenti sono i sottogruppi in cui ora si divide iltumore della mammella sulla base dei test istologici e di quelli sui marker tumorali. Qualche esempio: i tumori che presentano recettori per gli estrogeni dovrebbero rispondere alle terapie ormonali come il tamoxifen, mentre quelli con i recettori Her2 possono essere trattati con l’ Herceptina. La maggior parte dei tumori, circa il 70 per cento dovrebbe rispondere al trattamento con gli ormoni, ma non sempre è così: le reazioni non sono mai uguali. “A lcune pazienti rispondono bene, altre malissimo. Chiaramente c’è bisogno di una migliore classificazione e comprensione”, spiega Caldas al Guardian

“ Non ci saranno immediati benefici per i malati, purtroppo; per una reale ricaduta clinica e l’uso delle categorie nella pratica clinica ci vorranno almeno tre anni di studi in laboratorio e su pazienti veri. E ancora più tempo sarà necessario per la messa a punto di trattamenti veramente specifici. Ma è un primo passo molto importante”, sottolinea il ricercatore. Per ora infatti solo uno dei dieci tipi individuati dallo studio ha un trattamento specifico, ed è quello che beneficia dell’Herceptina. 

In un futuro non troppo lontano, però, questa ricerca potrebbe aiutare i medici a eseguire diagnosi e prognosi più precise, che permetteranno di capire se una paziente beneficerà o meno di un determinato trattamento e in che misura, senza esporla inutilmente a una terapia e ai suoi effetti collaterali. Per esempio, in termini di sopravvivenza i ricercatori hanno già individuato delle differenze: i cluster 2 e 5 hanno una prospettiva di sopravvivenza a 15 anni di circa il 40 per cento, mentre per i cluster 3 e 4 questa percentuale sfiora il 75 per cento. Queste sono informazioni importanti per i pazienti e per i medici. 

Entusiasta dei risultati è Harpal Kumar, il direttore esecutivo della Cancer Research Uk, la fondazione che ha finanziato la ricerca: “ Questo studio può essere considerato una pietra miliare nella ricerca, cambierà il modo in cui guardiamo al cancro al seno e avrà un enorme impatto negli anni a venire nella diagnosi e nel trattamento di questa patologia”, ha dichiarato al quotidiano inglese. “ La nostra fondazione comincerà subito a usare i nuovi criteri negli studi clinici che finanzia”. 

"Essere in grado di tagliare il trattamento sul paziente è considerato il Santo Graal della medicina, è questo studio così ampio avvicina di un altro passo questo risultato”, ha commentato alla Bbc il presidente della Breast Cancer Campaign, la Baronessa Delyth Morgan. Parere condiviso da un portavoce del Ministero della Salute, che però ha ribadito l’importanza della prevenzione e dell’accesso per ogni donna agli screening di routine. 


Per maggiori informazioni sul tumore al seno: www.senologia.eu



Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…