Oncogenetica: novità sul fronte della prevenzione del tumore al seno e all'ovaio


MILANO – Misurare il rischio di cancro del seno o dell’ovaio scritto nel Dna, offrendo alle donne a rischio strategie personalizzate di prevenzione, diagnosi e terapia. E’ l’oncogenetica la nuova frontiera della lotta di tumori, come hanno spiegato gli esperti riuniti ieri sera a Milano, nella Sala Gonfalone della Regione Lombardia, per la conferenza ‘I tumori eredo-familiari della mammella e dell’ovaio’.

 Durante l’incontro sono stati annunciati i lavori preliminari per la stesura di Linee guida regionali, messe a punto dal Servizio di epidemiologia della Asl 1 di Milano in collaborazione con la Divisione di prevenzione e genetica oncologica dell’Istituto europeo di oncologia e Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della Donna.”Con questo nuovo progetto finanziato dalla Regione Lombardia e ora in dirittura d’arrivo – spiega Bernardo Bonanni, direttore della Divisione di prevenzione e genetica oncologica dello Ieo – abbiamo redatto delle Linee guida sui tumori ereditari di seno e ovaie, in cui ci si occupa della valutazione del rischio, della sorveglianza clinico-strumentale, delle misure di prevenzione e di nuovi aspetti e figure professionali. Una volta concluse, le proporremo alla Regione perché vengano adottate in tutti gli ospedali lombardi.

 Tra le indicazioni emerse vi è quella per cui, alle donne con i geni mutati Brca-1 e Brca-2, dunque con un alto rischio di tumore maggiore, si raccomanda l’utilizzo della Risonanza magnetica, limitando invece l’esposizione ai raggi X. Inoltre, per quanto riguarda i farmaci, alcuni possono avere efficacia preventiva. Per quanto riguarda il tumore all’ovaio, ad esempio, si è notata una riduzione del rischio con l’utilizzo di contraccettivi orali”.

Benché “i tumori al seno e all’ovaio con una base di predisposizione ereditaria rappresentino la percentuale minore di tutte le forme tumorali – precisa la presidente di Onda Francesca Merzagora – sono patologie che meritano attenzione particolare per il pesante impatto clinico, psicologico e sociale, dal momento che molto spesso colpiscono donne giovani”. Per migliorare l’informazione, Onda ha promosso anche la pubblicazione e divulgazione di una breve monografia dedicata alle nuove opportunità dell’ontogenetica.

Per maggiori informazioni sul  tumore al seno  www.senologia.eu

Mastoplastica Additiva-Scelta protesi e simulazione risultato finale


 
 

Simulazione per la scelta delle protesi  mammarie nella mastoplastica additiva


 

 Per aiutare la paziente  ad esprimere meglio i propri desideri al chirurgo ed aiutarle nel processo di scelta dlla protesi  ideale, Allergan ha ideato l’esclusivo sistema Byodinamic.

 
 
 








Tale sistema permette al chirurgo di inserire su una scheda computerizzata tutte le misure essenziali per la scelta della protesi mammaria ideale per la singola paziente, tenendo conto delle sue aspettative.

Il chirurgo inoltre ha a disposizione degli speciali sizer che inserendoli all’interno di un reggiseno possono simulare l’aspetto finale.

 













E’ possibile chiedere al chirurgo ulyteriori informazioni sul sistema Byodinamic per la scelta delle protesi nella mastoplastica additiva
A cura del prof. Massimo Vergine
Per maggiori informazioni sulla mastoplastica additiva  www.mastoplasticaroma.com

Test OncotypeDX per scelta chemioterapia tumore della mammella

Il tumore al seno è una malattia potenzialmente grave se non è individuata e curata per tempo. È dovuto alla moltiplicazione incontrollata...