Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2013

Storia della mastoplastica additiva

Già alla fine del 1800 le donne richiedevano di aumentare il volume del seno. La storia della mastoplastica additiva riflette la ricerca di materiali idonei all’impianto , ad iniziare dai primi tentativi fatti nel 1800 con il trapianto di grasso. I risultati purtroppo erano scoraggianti, con frequenti infezioni e con formazione di tessuto cicatriziale molto duro alla palpazione- Solo piccole quantità di grasso sopravviveva al trapianto in quanto in quanto la maggior parte andava in necrosi per la scarsa irrorazione di sangue. Ciò spinse a cercare strade alternative già agli inizi del 1900. Per un certo periodo si   furono utilizzate iniezioni di paraffina, ma anche in questo caso i risultati in alcuni casi erano disastrosi con frequenti infezioni e rigetto del materiale iniettato. Si arrivò così al 1940 con la scoperta della gomma di silicone che gettò le basi per lo sviluppo degli studi sulla mastoplastica additiva con il silicone. Il silicone infatti fu approvato in quegli anni dal…

LA DIAGNOSI IN SENOLOGIA

LA DIAGNOSI IN SENOLOGIANelle strategie per il controllo del tumore alla mammella la fase diagnostica riveste da sempre un’importanza fondamentale: minori sono le sue dimensioni al momento della diagnosi maggiori sono per la donna le probabilità di guarigione definitiva. Probabilità che raggiungono valori vicini al 100% nel caso in cui il tumore del seno venga scoperto grazie al contributo delle indagini strumentali, quindi prima ancora di diventare clinicamente evidente, come è stato ampiamente indicato in molte e recenti segnalazioni della letteratura scientifica. Il complesso processo di sviluppo e crescita tumorale vede infatti una latenza di molti anni, durante il quale la malattia non manifesta sintomi che possono indurre il medico o la donna a sospettarne l’esistenza. In questo caso, però, segni minimi ed indiretti che possono essere rilevati dalle indagini strumentali e, in particolare, dalla mammografia. A titolo di esempio va ricordato che, quando ci si trova di fronte ad u…

Tumore e Aloe Vera

Qualche giorno fa una paziente operata da alcuni mesi per tumore al seno , a studio mi riferiva che il suo oncologo le aveva suggerito di assumere del succo di aloe vera quale coadiuvante e supporto per superare i sintomi dovuti a stanchezza ed astenia che talvolta si hanno sotto i cicli della chemioterapia. Debbo dire che mi ha stupito il fatto che me ne parlava con un entusiasmo dei benefici avuti già pochi giorni dopo aver cominciato ad assumere tale succo di Aloe e che inizialmente scettico ma anche incuriosito mi sono già dal giorno dopo messo a caccia di articoli scientifici a supporto dei possibili effetti farmacologici in grado migliorare la qualità vita della paziente. Con mia grande meraviglia ho trovato molta letteratura scientifica a riguardo e non solo con grande stupore sono venuto a conoscenza che molti altri pazienti affetti da tumore e da altre patologie ne fanno uso con immensi benefici. Sto continuando a trovare libri e articoli scientifici anche in caso di tumore a…

Campagna nastro Rosa-Margherita Buy testimonial nella prevenzione del tumore al seno

MILANO - E' Margherita Buy la testimonial italiana dell’edizione 2013 della «Campagna Nastro Rosa», dedicata alla prevenzione del tumore al seno giunta alla XXI edizione nel Mondo.

Tornano, ad ottobre, in prima linea nella lotta a questa patologia neoplastica, che registra un’incidenza sempre maggiore, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (Lilt) ed Estée Lauder Companies, società leader nei prodotti di bellezza di prestigio.

La Campagna Nastro Rosa, ideata negli Stati Uniti da Evelyn Lauder e promossa in oltre 70 Nazioni, vuole sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita correttamente sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare.

Durante il mese di ottobre i 397 Punti Prevenzione o ambulatori LILT, la maggior parte dei quali all’interno delle 106 Sezioni Provinciali della Lega Italiana per la Lotta con…