Passa ai contenuti principali

L'autopalpazione nella prevenzione del tumore al seno


Tumore al seno: come eseguire l'autopalpazione

Nella Prevenzione del tumore al seno la diagnosi precoce  è uno strumento fondamentale per riconoscere in tempo e curare quel male devastante che colpisce anche le donne di giovane età e in questo quadro, l’autopalpazione s’inserisce come preziosa modalità che ognuna può mettere in pratica per fronteggiare l’insorgere di un’eventuale malattia. 
È un esame efficace ed economico che consente di individuare anche la più piccola anomalia in fase precoce e che, insieme ai test di screening come la mammografia (consigliata dopo i 40 anni), l’ecografia al seno e le regolari visite senologiche dai 20 anni in poi, diventa un’arma potente letteralmente a portata di mano delle donne.
Non bisogna avere né fretta né timori quando si decide di effettuare un’autopalpazione, da eseguire con calma e senza distrazioni di sorta e soprattutto con la costanza mensile, dato che è proprio la frequenza a consentire di intervenire in tempo contro questo insidioso nemico della salute femminile. Le donne fertili è bene che comincino a calendarizzare l’autoesame subito dopo la fine del ciclo mestruale, mentre coloro che sono in post menopausa potranno scegliere un periodo del mese per procedere di 30 giorni in 30 giorni. 
Ma come si effettua l’autopalpazione?
1- Davanti allo specchio, il seno nudo va osservato in modo obiettivo e critico, scevro da qualsiasi valutazione estetica, sia per l’aspetto, eventuali asimmetrie, il colore dei capezzoli.
2- Sollevare le braccia e notare le modifiche del seno al cambio di posizione, senza tralasciare la zona delle ascelle e possibile rigonfiamento dei linfonodi.
3- Osservarsi di fianco, osservando il profilo del seno sia a riposo che con contrazione del muscolo pettorale. A questo punto può cominciare l’autopalpazione vera e propria, usando sempre la mano opposta alla mammella da esaminare.
4- Si parte dal centro, quindi dal capezzolo, e delicatamete si effettua una mappatura completa del seno in senso orario, senza tralasciare alcun punto, perché ogni porzione deve essere sottoposta ad una sorta di scansione per individuare ogni più piccolo rigonfiamento, nodulo, tumefazione. Se si percepisce qualche ‘pallina’ di troppo, in genere si tratta di formazioni del tutto benigne.
In ogni modo, mai sottovalutare nulla, soprattutto quando si scopre un’anomalia, anche piccola, che prima non c’era, così da valutare se si tratta di un nodulo mobile o fisso, dolente al tatto o meno, in che zona del seno si trova, se è collegato a modifiche del capezzolo (ad esempio secrezioni sierose o cambiamento del colore dell’areola).
5- Una visita senologica, infine, aiuterà a liberarsi da ogni dubbio, così da non sminuire né esasperare dei particolari che vanno sempre sottoposti all'esame del senologo

Per maggiori informazioni sul tumore al seno  www.senologia.eu
 


Potrebbe interessarti: http://www.today.it/donna/autopalpazione-seno-come-si-fa.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…