Passa ai contenuti principali

Carcinoma Duttale in situ della mammella : non tutte le terapie riducono la mortalità

Tumore al seno “allo stadio 0”, alcune terapie non riducono la mortalità

                  Prevenire una recidiva di tumore al seno con la radioterapia o la mastectomia, dopo una diagnosi di un tumore “allo stadio 0”, il carcinoma duttale in situ, non riduce il rischio di mortalità. È la conclusione di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Women’s College Hospital e della University of Toronto (Canada) pubblicato sulla rivista Jama Oncology. I fattori di rischio che invece fanno aumentare il rischio di morte per tumore al  seno sono l’età della diagnosi, l’etnia e le caratteristiche del tumore stesso.
La ricerca canadese riapre una questione piuttosto dibattuta, ovvero il trattamento del carcinoma duttale in situ (DCIS) o tumore al seno “allo stadio 0”. «Questa è la forma meno aggressiva e non invasiva del tumore della mammella, che ne rappresenta un possibile precursore. Il carcinoma duttale in situ, per definizione, non dovrebbe dare metastasi a distanza, in quanto confinato all’interno delle strutture mammarie (i dotti, dove viene veicolato il latte verso l’esterno) e quindi non a contatto di vasi linfatici ed ematici attraverso i quali si diffonde la controparte invasiva e aggressiva del tumore mammario, capace quindi di metastatizzare», spiega il dottor Andrea Sagona , senologo, ginecologo e ostetrico di Humanitas.

Cosa prevede abitualmente il trattamento di questa forma di tumore al seno?

«Queste pazienti – risponde lo specialista – vengono sottoposte generalmente a quadrantectomia e radioterapia, più o meno biopsia del linfonodo sentinella in base all’estensione e al grado istologico, o, nelle forme più estese, a mastectomia. Lo screening ha portato alla luce casi di DCIS che prima non venivano diagnosticati (si è passati dal 3% al 25-30% dei tumori evidenziati alla mammografia di screening), che però non è stato accompagnato da una conseguente riduzione della incidenza di carcinoma mammario invasivo, come è accaduto invece per altri tipi di tumori, quali il carcinoma del colon o della cervice ».
Lo studio canadese ha preso in esame i dati di oltre 100mila donne americane che hanno ricevuto una diagnosi di carcinoma duttale in situ con una età media di 54 anni. A distanza di vent’anni la mortalità per tumore al seno è stata del 3,3%: in questo gruppo il rischio di morire per tumore al seno è quasi due volte più alto di quello della popolazione generale (comunque piuttosto basso).

Rischio di mortalità da tumore al seno aumenta se la donna è colpita da recidiva di tipo invasivo

«Da qui è sorta la domanda se effettivamente serva sottoporre tutte le pazienti affette da DCIS a interventi chirurgici con o senza radioterapia, oppure potrebbero esserci strategie alternative (farmacologiche o di intervento sulle abitudini alimentari) che potrebbero diminuire il rischio di ammalarsi della forma invasiva di carcinoma. Questo perché il DCIS potrebbe essere interpretabile non come un precursore obbligato della forma invasiva, ma essere solo un possibile fattore di rischio oppure non essere pericoloso, se non associato ad altri fattori di rischio, quali abitudini alimentari errate, terapie ormonali etc.», sottolinea il dottor Sagona.
All’interno della popolazione di riferimento, però, questo rischio è maggiore se l’età della diagnosi di DCIS era inferiore ai 35 anni, se le donne sono afroamericane e se il carcinoma presenta particolari caratteristiche, come ad esempio maggiori dimensioni. «Nel lavoro non sono state riportate le terapie mediche farmacologiche e bisognerebbe capire quante donne avessero effettivamente forme pure di DCIS e non già dei focolai di microinfiltrazione, non evidenziati all’esame istologico, soprattutto in caso di mastectomia dove viene eseguito un campionamento esteso delle lesioni, ma non sempre completo», nota l’esperto.
Ancora, dice la ricerca, il rischio di mortalità da tumore al seno aumenta se la donna è colpita da una recidiva di tipo invasivo, ma prevenire la comparsa di questa recidiva con la radioterapia, a seguito di un intervento chirurgico conservativo, sembrerebbe non diminuire la mortalità nell’arco di 10 anni. Le pazienti sottoposte a un trattamento del genere hanno meno probabilità di sviluppare una forma di tumore al seno di tipo invasivo, ma questo intervento non incide sul rischio specifico di mortalità.

Quali conclusioni derivano da questa ricerca?

«Che probabilmente non tutte le forme di DCIS (soprattutto le forme a basso grado, già di per sé meno radiosensibili) debbano essere trattate con la radioterapia, visto che non diminuisce la mortalità, che probabilmente alcune forme di DCIS potrebbero essere più pericolose rispetto ad altre e che quindi dovrebbero essere addirittura trattate in maniera più aggressiva di quello che si fa ora (e questo potrebbe essere possibile tramite l’analisi genetica del tumore o attraverso nuovi marcatori molecolari). Come sempre i dati vanno interpretati con cautela, senza allarmismi o frasi del tipo “non trattiamo più il DCIS”, nell’ottica di migliorare la qualità di vita e la prognosi delle pazienti», conclude il dottor Sagona.

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…