Passa ai contenuti principali

Tumore alla mammella: cura per le donne anziane


Ogni anno il tumore alla mammella viene diagnosticato in circa 50.000 donne. La sopravvivenza a 5 anni era del 74% nel 1997, oggi si avvicina al 90%.
Questa tendenza positiva non riguarda però le pazienti di età superiore ai 70 anni. Infatti mentre globalmente la mortalità si è ridotta dell’1.3% l’anno, questo dato nelle donne anziane si ferma allo 0.4%.
Il problema è di grande rilevanza se si considera che in Italia ogni anno il tumore alla mammella colpisce oltre 17.000 donne di età superiore ai 70 anni e che attualmente in Italia vivono più di 240.000 donne anziane alle quali è stata diagnosticata questa patologia.
Il problema diventa ancora più rilevante se consideriamo le donne in cui la diagnosi è posta in età più giovanile ma che presentano una ripresa della malattia in età avanzata.

Il sottotrattamento è un problema noto che riguarda questa popolazione. Le cause sono molteplici e vanno da un non-adeguato inquadramento dello stato di salute della paziente a una ridotta rappresentazione della stessa negli studi clinici con conseguenti limitate evidenze nell’applicare le innovazioni terapeutiche nella pratica clinica.

Si discute di questo tema, sempre più attuale dato l’invecchiamento strutturale della popolazione, al Primo incontro nazionale sul trattamento della paziente anziana affetta da carcinoma mammario, Campi Bisenzio ( Firenze ), diretto da Laura Biganzoli, Responsabile del Programma di Oncologia Geriatrica presso l’Unità Operativa di Oncologia Medica del Nuovo Ospedale di Prato - Istituto Toscano dei Tumori, USL Toscana Centro.

Si stima infatti che nel 2050 in Italia gli ultrasessantacinquenni saranno il 35.9% della popolazione totale, con una aspettativa di vita media pari a 82.5 anni ( 80 per gli uomini e 85 per le donne ).
In questo contesto, considerando che l’età rappresenta il principale fattore di rischio di tumore alla mammella, assumendo che l’incidenza di questo tumore continui a rimanere costante, assisteremo a una crescita esponenziale del numero di donne sopra i 70 anni a cui viene diagnosticata la patologia.
Due punti fondamentali sono migliorare l’approccio alla paziente anziana e aumentare l’evidenza dei trattamenti.

Con paziente anziana s’intende una popolazione estremamente eterogenea composta da un lato da donne definite fit, cioè donne che hanno una vita assolutamente indipendente e attiva e anche una vita sociale florida, e dall’altro lato da donne fragili affette e afflitte da un alto livello di comorbidità.
Tra questi due estremi esiste un’ampia casistica.
Si deve pertanto pensare alla personalizzazione della cura tenendo in considerazione l’eterogeneità della paziente, il cui stato di salute deve essere adeguatamente valutato.

Per aumentare l’evidenza dei trattamenti è fondamentale promuovere studi clinici specificatamente condotti nella paziente anziana e abbattere l’età come criterio di esclusione da studi clinici condotti nella popolazione generale, rendendo così possibile condurre analisi di sottogruppo nella popolazione anziana.

Un altro importante strumento è quello di creare tavoli di lavoro, con Esperti del settore, per condurre una analisi critica della letteratura e produrre quella che viene chiamata una Expert opinion.

Dalla collaborazione tra EUSOMA ( European Society of Breast Cancer Specialists ) e SIOG ( International Society of Geriatric Oncology ) sono state prodotte le Raccomandazioni sul trattamento della paziente anziana con carcinoma della mammella, che sono state pubblicate sulla rivista Lancet Oncology. ( Xagena Medicina )

Fonte: GIOGer ( Gruppo Italiano di Oncologia Geriatrica ), 2017



Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…