Passa ai contenuti principali

Rischio di recidiva a distanza del carcinoma mammario positivo per il recettore ormonale 20 anni dopo la diagnosi iniziale



La somministrazione di terapia endocrina per 5 anni riduce sostanzialmente i tassi di recidiva durante e dopo il trattamento nelle donne con carcinoma mammario posato in stadio precoce, con recettori estrogenici (ER). Estendere tale terapia oltre i 5 anni offre ulteriore protezione, ma ha ulteriori effetti collaterali. Ottenere dati sul rischio assoluto di ricorrenza a distanza successiva se la terapia si arresta a 5 anni potrebbe aiutare a determinare se estendere il trattamento.

METODI

In questa meta-analisi dei risultati di 88 studi condotti su 62.923 donne con carcinoma mammario ER-positivo che erano esenti da malattia dopo 5 anni di terapia endocrina programmata, abbiamo utilizzato le analisi di regressione di Kaplan-Meier e Cox, stratificate in base allo studio e al trattamento, per valutare le associazioni di diametro del tumore e stato linfonodale (TN), grado del tumore e altri fattori con esiti dei pazienti durante il periodo da 5 a 20 anni.

RISULTATI

Le recidive del cancro al seno si sono verificate ad un ritmo costante durante tutto il periodo di studio da 5 a 20 anni. Il rischio di recidiva a distanza era fortemente correlato con lo stato originale di TN
. Tra i pazienti con malattia di stadio T1, il rischio di recidiva a distanza era del 13% senza coinvolgimento nodale (T1N0), il 20% con uno o tre nodi coinvolti (T1N1-3) e il 34% con quattro o nove nodi coinvolti (T1N4- 9); tra quelli con malattia di stadio T2, i rischi erano del 19% con T2N0, il 26% con T2N1-3 e il 41% con T2N4-9. Il rischio di morte per cancro al seno era analogamente dipendente dallo stato di TN, ma il rischio di cancro al seno controlaterale non lo era. Dato lo stato di TN, i fattori di grado tumorale (disponibili in 43.590 pazienti) e lo stato di Ki-67 (disponibile in 7692 pazienti), che sono fortemente correlati tra loro, erano solo di moderato valore predittivo indipendente per recidiva a distanza, ma lo stato per quanto riguarda il recettore del progesterone (in 54.115 pazienti) e il recettore del fattore di crescita epidermico umano tipo 2 (HER2) (in 15.418 pazienti in studi senza uso di trastuzumab) non era predittivo. Durante il periodo di studio da 5 a 20 anni, il rischio assoluto di recidiva a distanza tra i pazienti con carcinoma mammario T1N0 era del 10% per malattia di basso grado, del 13% per malattia di grado moderato e del 17% per malattia di alto grado; i rischi corrispondenti di qualsiasi recidiva o di un carcinoma mammario controlaterale erano del 17%, 22% e 26%, rispettivamente.

CONCLUSIONI

Dopo 5 anni di terapia endocrina adiuvante, le recidive del carcinoma mammario hanno continuato a verificarsi in modo costante per tutto il periodo di studio da 5 a 20 anni. Il rischio di recidiva a distanza era fortemente correlato con lo stato di TN originale, con rischi che vanno dal 10 al 41%, a seconda dello stato di TN e del grado di tumore.

La ricerca è pubblicata in the Nov. 9, 2017 issue of the New England Journal of Medicine. Read the abstract of “20-Year Risks of Breast-Cancer Recurrence after Stopping Endocrine Therapy at 5 Years.”


A cura del prof. Massimo Vergine   www.senologia.eu

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…