Passa ai contenuti principali

Zucchero e cancro

Il ruolo dello zucchero nel cancro.

Recentemente ho letto molti articoli che ormai danno per certa una correlazione tra abuso di zuccheri e tumore.
Il biologo tedesco Otto Heinrich Warburg ( insignito del Nobel per la medicina) ha scoperto che il metabolismo dei tumori maligni dipende molto dal consumo di zucchero. Lo zucchero e in generale le farine bianche una volta ingerite fanno rapidamente salite il tasso di glucosio nel sangue e più questo sale e maggiore è il cosiddetto “indice glicemico”, richiedendo la produzione di insulina per permettere la scissione e l’utilizzo da parte delle cellule.
Oltre all’insulina viene rilasciata anche un'altra molecola detta IGF (INsulin-LIKE Growt Factor-I ) che ha la proprietà di stimolare la crescita cellulare . Inoltre sia l’insulina che che lIGF possonoi innescare i fenomeni di infiammazione. E stimolare la crescita delle cellule tumorali (1)
Ognuno di noi quindi è libero di scegliere se diminuire il consumo alimentare di zuccheri e farine bianche agendo in questo modo sul tasso di produzione di insulina e IGF:
In uno studio canadese-statunitense, Susan Hankinson dell’Università di Harvard ha dimostrato che fra le donne sotto i cinquanta anni quelle con tassi molto alti di IGF correvano un rischio sette volte maggiore di contrarre il cancro al seno rispetto a quelle con  tassi ridotti. L’alto indice glicemico dell’alimentazione è inoltre associato al tumore del Pancreas , del colon e delle ovaie (2)
Nel 2009 lo studio di Women’s Health Initiatyive condotto negli USA su oltre centomila donne ha confermato il nesso tra maggiore tasso di insulina nell’organismo e maggior rischio di tumore al seno. Le donne che presentavano concentrazioni di insulina più elevate anche se non erano diabetiche presentavano rispetto a quelle con tassi di insulina più bassi, un rischio di circa il doppio di sviluppare un tumore al seno.(3)
Sembra proprio che molti studi scientifici puntino ormai il dito contro gli zuccheri raffinati e le farine bianche!!!.
Ognuno di noi quindi è libero di scegliere se diminuire il consumo alimentare di zuccheri e farine bianche agendo in questo modo sul tasso di produzione di insulina e IGF.

             1)Grothey e coll.  –The role of insulin-like growth factor-I-and its receptor in cell growth, trasformation, apoptosis,and chemoresistence in solid tumors” In Journal of Cancer researche Clinical Oncology -1999). 125 pp.166-73      
              2) Hankinson e al. “ circulating concentrations of insulin-like growth factor-I and risk of breastcancer”  The Lancet (1998) 351 pp1393-96
         3)       Gunter M.J. e al. “ Insulin,insulin-like growth factor-I,and risk of breast cancer in postmenopausal women”-Journal of the NationalCancer Institute ( 2009) pp.48-60


A  A cura del Prof. Massimo Vergine  - www.senologia.eu

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…