Passa ai contenuti principali

Regione Lazio: percorsi di screening attivi tutto l’anno

I Programmi di Screening sono dei percorsi organizzati di prevenzione e diagnosi precoce e sono attivi tutto l’anno, per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon-retto e della cervice uterina.
L’obiettivo è individuare una eventuale presenza di neoplasie in una fase precoce quando ancora non c’è nessun disturbo, in questo modo si aumentano le possibilità di cure efficaci, meno aggressive e cI Programmi di Screening sono 3 percorsi di prevenzione gratuiti rivolte alle persone comprese nelle fasce d’età: Donne 25-64 anni per la prevenzione del tumore del collo dell’utero Donne 50-69 (volontario fino a 74 anni) anni per la prevenzione del tumore della mammella Donne e uomini 50-74 anni per la prevenzione del tumore del colon retto
Come funzionano: viene inviata a casa una lettera d’invito con un appuntamento prefissato dalla ASL di appartenenza per effettuare il test di screening, l’appuntamento può essere modificato telefonando al numero verde indicato nella lettera.
Il risultato viene comunicato per posta; nell’eventualità che sia necessario ripetere il test o effettuare ulteriori accertamenti, l’interessato verrà contattato telefonicamente. Nel caso di un risultato del test dubbio l’interessato sarà invitato a eseguire gli esami di approfondimento presso un centro specializzato (Centro di Screening di II livello).
Nel caso in cui non dovesse pervenire la lettera di invito, sarà possibile telefonare ai numeri verdi delle ASL per avere informazioni e prenotare un esame.

Grazie alle numerose campagne di informazione promosse dalla Regione Lazio, negli ultimi anni la partecipazione è aumentata in modo sensibile:
screening tumore della mammella dal 2014 al 2017 +60% estensione inviti e +50% adesioni
screening tumore cervice uterina dal 2014 al 2017 +20% estensione inviti e +20% adesioni
screening tumore colon-retto dal 2014 al 2017 +105% estensione inviti e +120% adesioni

La Regione Lazio vanta una fitta rete di centri specializzati che rispondono ai più elevati standard europei con professionisti qualificati ai quali si affianca il mondo del volontariato. Insieme rappresentano quella rete di accoglienza e supporto alle persone che devono affrontare un periodo molto difficile nella loro vita come quello della malattia.
È importante effettuare i controlli programmati, in questo modo la prevenzione sarà più efficace.
Solo attraverso la partecipazione attiva, rispondendo agli inviti della propria ASL, sarà possibile ottenere un beneficio per la salute, aumentando le possibilità di cure adeguate e meno aggressive. Per informazioni sugli screening e sui servizi sanitari si può visitare il sito Salute Lazio (www.salutelazio.it).

Commenti

Post popolari in questo blog

Il fibroadenoma - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

Il Fibroadenoma


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne provocar…

La Mastopatia Fibrocistica-diagnosi e trattamento

Indicazioni alla Risonanza Magnetica per il tumore della mammella

La Risonanza Magnetica Mammaria è in grado di identificare pressoché la totalità delle neoplasie mammarie maligne (elevata sensibilità) in quanto rileva, grazie alla somministrazione del mezzo di contrasto, i fenomeni neoangiogenetici (l’anormale ed incrementata “rete” di strutture vascolari che “alimenta” la neoplasia) alla base del carcinoma. Pur avendo elevata sensibilità la Risonanza Magnetica Mammaria presenta tuttavia una non ottimale specificità o numero di falsi positivi: esistono cioè delle caratteristiche RM che possono risultare identiche per le lesioni benigne e maligne.

Questo è il motivo per cui la Risonanza Magnetica Mammaria risulta ad oggi un esame complementare e non sostitutivo dell’Imaging convenzionale, rappresentato da mammografia ed ecografia. Grazie alle implementazioni tecnologiche avvenute soprattutto nel corso degli ultimi cinque anni, la specificità dell’indagine appare tuttavia migliorata, a condizione naturalmente che l’esame venga eseguito allo stato del…