Passa ai contenuti principali

Antiossidanti e trattamento del cancro


Sentiamo sempre  parlare delle virtù degli antiossidanti! Dalla vitamina C al licopene e come possono prevenire o neutralizzare i radicali liberi. I radicali liberi possono causare danni alle cellule e al materiale genetico, e questo danno può portare al cancro.   Eliminare o neutralizzare questi radicali liberi può prevenire danni alle nostre cellule . Quindi teoricamente dovrebbero ridurre il rischio di cancro. Ma d'altra parte quando si ricevono trattamenti contro il cancro come le radiazioni e alcune chemioterapie, si generano automaticamente radicali liberi nel corpo man mano che muoiono le cellule tumorali.
Ma, tra i titoli delle notizie e le affermazioni sulla salute dei produttori di integratori, non c'è da meravigliarsi che molti sopravvissuti al cancro e individui sani utilizzino ampiamente i supplementi antiossidanti come misura preventiva contro la recidiva del cancro o per prevenire il cancro. Inoltre, ha senso perché molti pazienti chiedono se l'assunzione di integratori antiossidanti può aiutare a prevenire il danno fatto alle cellule sane durante la chemioterapia e la radioterapia. Alcuni chiedono anche se possono migliorare i benefici o il trattamento o se possono alleviare alcuni degli effetti collaterali. Altri pensano che potrebbero essere utili per mantenere o migliorare la salute generale. Non è raro sentire che "i supplementi antiossidanti possono aiutare a combattere  cancro e, per lo meno, non possono peggiorare?"
 
Bene, quali sono esattamente gli antiossidanti e da dove vengono? Gli antiossidanti sono sostanze chimiche che il nostro corpo può produrre in piccole quantità o sostanze chimiche che possiamo ottenere dal cibo (che è il punto in cui ne riceviamo la maggior parte) che agiscono come agenti protettivi delle nostre cellule. Si trovano naturalmente in frutta, verdura e cereali integrali - sotto forma di vitamina E, vitamina C, vitamina A, beta-carotene, Co-Q10, selenio, manganese, licopene, zinco e molti altri.  Principalmente su fonti esterne per ottenere gli antiossidanti di cui ha bisogno.
Abbiamo un'abbondanza di prove che dimostrano che molte fonti di cibo contengono elevate quantità di antiossidanti naturali e mangiare questi alimenti è molto vantaggioso per la nostra salute.. Non significa automaticamente che tutte le sostanze con proprietà antiossidanti possano essere utili, specialmente se non vengono tolte dal loro contesto naturale. Ad esempio, gli antiossidanti in forma di supplemento rimane attualmente un argomento controverso. Poiché alcuni trattamenti contro il cancro utilizzano i radicali liberi per combattere le cellule tumorali, potrebbero interferire con ciò che si suppone stia facendo il trattamento del cancro. Gli integratori contengono spesso quantità maggiori di nutrienti rispetto a quelle suggerite per le dosi giornaliere raccomandate. Le loro strutture chimiche e meccanismi particolari possono anche variare ampiamente.  
Una preoccupazione riguardante l'uso di integratori antiossidanti da parte dei pazienti sottoposti a trattamento per il cancro riguarda il modo in cui ogni specifico antiossidante funziona all'interno del corpo. Un grosso malinteso è che tutti gli antiossidanti sono intercambiabili, ma non lo sono. Ognuno ha i suoi comportamenti chimici e le sue proprietà biologiche uniche. Ognuno di loro gioca un ruolo diverso e questo significa che nessun singolo antiossidante può fare il lavoro di tutti.
È importante notare che le fonti alimentari di antiossidanti contengono anche altri minerali, fibre, sostanze nutritive e altre sostanze, tutte confezionate insieme (alcune che non abbiamo ancora scoperto) che collaborano per aiutare a prevenire una varietà di malattie croniche. È improbabile che possiamo creare una pillola, una capsula o un integratore in grado di realizzare la stessa cosa. I radicali liberi contribuiscono a malattie croniche come il cancro, ma non significa automaticamente che le sostanze con proprietà antiossidanti risolveranno il problema, soprattutto quando vengono tolti dal loro contesto naturale. Al momento attuale, la prova che qualsiasi integratore antiossidante ha efficacia per uno degli scopi precedentemente menzionati è scarsa e in gran parte indiretta.
 
Risultati della letteratura
 
Finora ci sono risultati contrastanti quando si analizzano tutte le ricerche scientifiche esistenti - alcuni studi suggeriscono che l'assunzione di integratori durante il trattamento può essere utile, ma al contrario ci sono studi che ci dicono che potrebbe essere dannoso. Un supplemento  antiossidanti è stata studiata in studi clinici randomizzati, la maggior parte dei quali non ha riscontrato alcuna diminuzione del rischio di cancro o, in alcuni casi, un aumento del rischio di cancro. Sì, sfortunatamente hai letto bene! Un rischio di cancro INCREMENTATO.
 
Sebbene i risultati differiscano tra gli studi randomizzati e controllati sull'uso di antiossidanti durante il trattamento del cancro, molti studi sono di qualità relativamente bassa o hanno un potere statistico limitato. È anche difficile trarre conclusioni a causa di differenze nel tipo di malignità, tipo e dose di antiossidanti e regime di trattamento, oltre ad altri numerosi fattori. Uno degli studi meglio progettati ha coinvolto oltre 500 pazienti con carcinoma della testa e del collo sottoposti a trattamento con radiazioni, mentre assumevano integratori antiossidanti rispetto al placebo. Questo studio ha rilevato una mortalità significativamente più alta tra quelle prescritte 400 UI di integrazione giornaliera di vitamina E con 30 mg al giorno di beta carotene rispetto al placebo. Sono stati dati questi supplementi il ​​primo giorno di radioterapia e continuato a integrare per 3 anni dopo. Ciò che sorprende è che lo studio doveva essere interrotto a causa di preoccupazioni etiche. Il gruppo con supplemento di vitamina E e beta carotene ha avuto un aumento del rischio di secondi tumori primari e recidiva dei loro tumori primari. Questo ha comportato una diminuzione del rischio di cancro dopo l'interruzione del supplemento di vitamina E.  

È possibile che l'assunzione di integratori antiossidanti durante il trattamento possa proteggere le cellule normali dagli effetti collaterali dannosi dei trattamenti e possa migliorare la risposta del tumore e la sopravvivenza del paziente. Ma al contrario, alcuni studi hanno scoperto che l'assunzione di integratori antiossidanti può interferire con la chemioterapia e le radiazioni riducendo la loro efficacia e proteggendo anche le cellule tumorali.
È molto probabile che gli antiossidanti durante il trattamento del cancro possano essere utili per alcune persone, ma dannosi per gli altri. Non esistono due persone o cancri uguali. Ad esempio, una revisione sistemica del 2016 ha rilevato che, mentre la risposta non è chiara se gli antiossidanti alterano o meno gli effetti anti-tumorali durante la radioterapia e durante alcuni tipi di chemioterapia, osservano che questo non è lo stesso per coloro che fumano regolarmente. Gli autori hanno scoperto che coloro che hanno fumato e consumato l'integrazione antiossidante durante le radiazioni hanno aumentato le loro probabilità di recidiva e di mortalità rispetto a coloro che non hanno fumato. Sembra che in alcune situazioni gli integratori possano causare più danni.  
Mentre la ricerca continua, scopriremo di più. È possibile che gli antiossidanti possano aumentare la protezione delle pericolose cellule cancerose. Alcuni risultati suggeriscono che quando il corpo riceve antiossidanti in più, le sue cellule tumorali ottengono più degli antiossidanti che già producono. Le cellule possono immagazzinare il surplus, migliorando la loro capacità di sopravvivere al danno (che è sicuramente ciò che non vogliamo). Le prove scientifiche su questo argomento non sono fortemente a favore o contro l'assunzione di integratori antiossidanti durante il trattamento del cancro in questo momento.
Ma che dire degli alimenti ricchi di antiossidanti e del trattamento del cancro?  
 
Non ci sono prove per sostenere che cibi o bevande intere ricchi di antiossidanti dovrebbero essere evitati durante la terapia del cancro. Si ritiene che il livello di un particolare antiossidante in un alimento intero non sia in grado di interferire con il trattamento. Lo stesso non si può dire per gli integratori antiossidanti ad alte dosi come discusso in precedenza.
 
Concludendo…

Non esiste ancora un consenso sull'efficacia e la sicurezza degli integratori antiossidanti durante la terapia convenzionale contro il cancro. Sono necessari orientamenti sugli integratori antiossidanti basati su ampi studi clinici per sapere cosa è raccomandato durante il trattamento del cancro.
È molto importante informare tutti i membri del tuo team di oncologia se decidi di assumere qualsiasi integratore durante il trattamento del cancro. Il medico, il dietista e il farmacista possono aiutarvi a valutare la qualità del consiglio da articoli, libri, Internet o da altre raccomandazioni dei professionisti per assicurarvi di ricevere le cure più efficaci.
Gli antiossidanti sono grandi quando si trovano nel cibo, ma se trovati in dosi elevate sotto forma di integratore, possono interferire con i trattamenti contro il cancro causando loro di non lavorare come dovrebbero. Non è consigliabile assumere integratori antiossidanti durante il trattamento in questo momento. Per ridurre il rischio di cancro, si consiglia di assumere gli antiossidanti vengano c attraverso solo  il cibo piuttosto che in forma di supplemento. La raccomandazione è di consumare una varietà di frutta e verdura colorate ogni giorno. Sebbene le raccomandazioni per l'integrazione siano ancora oscure, dovremmo rimanere cauti quando si tratta di introdurre integratori antiossidanti nella terapia del cancro. Ma non simenticare  di mangiare un po di  di frutta e verdura ogni giorno!

Per maggiori informazioni sul tumoreal seno   www.senologia.eu 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il fibroadenoma - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

Il Fibroadenoma


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne provocar…

La Mastopatia Fibrocistica-diagnosi e trattamento

Zucchero e cancro

Il ruolo dello zucchero nel cancro.
Recentemente ho letto molti articoli che ormai danno per certa una correlazione tra abuso di zuccheri e tumore. Il biologo tedesco Otto Heinrich Warburg ( insignito del Nobel per la medicina) ha scoperto che il metabolismo dei tumori maligni dipende molto dal consumo di zucchero. Lo zucchero e in generale le farine bianche una volta ingerite fanno rapidamente salite il tasso di glucosio nel sangue e più questo sale e maggiore è il cosiddetto “indice glicemico”, richiedendo la produzione di insulina per permettere la scissione e l’utilizzo da parte delle cellule. Oltre all’insulina viene rilasciata anche un'altra molecola detta IGF (INsulin-LIKE Growt Factor-I ) che ha la proprietà di stimolare la crescita cellulare . Inoltre sia l’insulina che che lIGF possonoi innescare i fenomeni di infiammazione. E stimolare la crescita delle cellule tumorali (1) Ognuno di noi quindi è libero di scegliere se diminuire il consumo alimentare di zuccheri e farine …