Passa ai contenuti principali

I recettori ormonali e Her2 nel tumore della mammella



 I recettori ormonali e Her2  nel tumore della mammella

Tutti i tumori della mammella vengono studiati per i recettori per estrogeni, progesterone e HER2.

I risultati di questi test indicheranno se determinati trattamenti, in particolare terapie ormonali e trattamenti chemioterapici, potrebbero essere appropriati in base allo stato recettoriale del  tumore al seno. Riceverai le informazioni sullo stato del recettore nell’esame istologico

Stato dei recettori ormonali

I recettori di estrogeni e progesterone sono proteine ​​presenti sulla superficie delle cellule del seno. Questi recettori sono presenti nelle cellule sane del seno e aiutano a controllare il modo in cui crescono le cellule del seno, ma nel 70% dei tumori al seno i recettori sono sovraespressi. Questi tumori sono chiamati ormonosensibili , il che significa che gli estrogeni e il progesterone possono attaccarsi ai recettori e alimentare la crescita del cancro. I tumori al seno sensibili agli ormoni possono essere:

    positivo al recettore dell'estrogeno e positivo al recettore del progesterone (ER +, PR +)
    solo positivo al recettore dell'estrogeno (ER + PR -)
    solo positivo al recettore del progesterone (ER-PR +)

Anche se le cellule tumorali mostrano solo un basso livello di sensibilità ormonale, la terapia ormonale può aiutare a ridurre il rischio che il cancro si ripresenti impedendo agli estrogeni di stimolare la crescita delle cellule tumorali.

I cancri del recettore degli estrogeni negativi (ER- PR-) hanno pochi o nessun recettore ormonale, quindi non rispondono alla terapia ormonale.

È ormai noto che alcuni tumori al seno possono modificare il loro stato recettoriale ormonale nel tempo, cambiando da positivo a negativo o viceversa. Se il cancro si ripresenta, i test verranno nuovamente eseguiti.


Recettori HER2

Il gene HER2 (Human Epidermal Growth Factor Receptor 2) ha un ruolo nel controllo della crescita delle cellule normali del seno. Il gene è anche noto come HER2 / neu o ERB2 e produce proteine ​​(recettori) che si trovano sulla superficie delle cellule del seno . Tuttavia, in circa il 20% dei tumori al seno, il gene produce troppe copie di se stesso. Questa si chiama amplificazione HER2 e porta alla creazione di troppi recettori HER2. Questa sovraespressione dei recettori provoca la divisione e la crescita delle cellule tumorali ad un ritmo molto più rapido.

Il carcinoma mammario HER2-positivo è qualsiasi tipo di tumore al seno che risulta positivo alla sovraespressione di HER2.

I tumori al seno HER2-positivi tendono ad essere più aggressivi dei tumori HER2-negativi e sono spesso meno sensibili alla terapia ormonale. La malattia HER2-positiva aveva in passato una prognosi infausta, ma lo sviluppo di trattamenti mirati ha migliorato significativamente i risultati. Ad esempio, la chemioterapia e l'Herceptin (un trattamento che mira specificamente al recettore HER2), somministrati insieme, hanno dimostrato di ridurre il rischio di recidiva di circa la metà rispetto al trattamento con la sola chemioterapia.

Il trattamento per il carcinoma mammario HER2-positivo in genere comporta generalmente chirurgia, chemioterapia ed Herceptin e può includere radioterapia e terapia ormonale.



Cancro al seno triplo negativo

Il carcinoma mammario triplo negativo (TNBC) è un tumore al seno che risulta negativo per tutti e tre i recettori (estrogeno, progesterone e HER2). Circa il 15% dei tumori al seno è triplo negativo. Questo tipo tende a verificarsi più comunemente nelle donne in pre-menopausa e nelle persone con un gene BRCA1 difettoso. Le statistiche della Nuova Zelanda mostrano che le donne pacifiche, maori e asiatiche hanno una maggiore incidenza di cancro al seno triplo negativo rispetto alle donne caucasiche.

Le persone con TNBC non traggono beneficio dal trattamento con tamoxifene, inibitori dell'aromatasi o Herceptin in quanto i tumori mancano dei recettori che questi trattamenti hanno come bersaglio. Non ci sono attualmente trattamenti mirati per questa forma di cancro al seno, anche se molti nuovi farmaci sono stati studiati negli studi clinici. Il trattamento consiste in chirurgia, chemioterapia e spesso radioterapia.

Nella maggior parte dei casi, TNBC è molto reattivo alla chemioterapia, che può essere somministrata prima o dopo l'intervento chirurgico. Il tumore mammario triplo-negativo  ha un rischio più elevato di recidiva al di fuori del seno nei primi due-cinque anni, ma un rischio minore dopo 5-8 anni rispetto ad altre forme di cancro al seno.

Per maggiori informazioni sul tumoree al seno   www.senologia.eu

A cura del Prof. Massimo Vergine

Commenti

Post popolari in questo blog

Il fibroadenoma - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

Il Fibroadenoma


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne provocar…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

La Mastopatia Fibrocistica-diagnosi e trattamento