Passa ai contenuti principali

Terapie per il recettore Her2 nel tumore della mammella

 Terapie mirate per il recettore Her2 nel tumore della mammella


Le seguenti terapie mirano a specifici recettori che controllano la crescita delle cellule tumorali.

Mentre la chemioterapia si rivolge a tutte le cellule che si dividono rapidamente, le terapie mirate, grazie alla loro  della loro specificità, hanno meno probabilità di danneggiare le cellule sane.

Le terapie biologiche, un tipo di terapia mirata, utilizzano proteine ​​prodotte in laboratorio per sfruttare il sistema immunitario del corpo per aiutare a distruggere le cellule tumorali. Questi trattamenti mirano a molecole sulla superficie delle cellule tumorali. Altre terapie mirate utilizzano farmaci contenenti piccole molecole che entrano nelle cellule e bloccano i segnali su cui si basa il cancro per la crescita.
Terapie mirate per il carcinoma mammario HER2 positivo


Trastuzumab (Herceptin)


Questo è il trattamento biologico più utilizzato per il cancro al seno ed è usato per trattare il carcinoma mammario HER2-positivo sia in fase iniziale che avanzata. Circa il 20% dei tumori al seno ha troppe copie del gene HER2 (Human Epidermal growth factor Receptor 2) che a sua volta produce troppe proteine ​​HER2 (recettori) sulla superficie delle cellule di cancro al seno. Questi cancri sono noti come HER2-positivi. I recettori ricevono segnali che dirigono le cellule a crescere e moltiplicarsi.

Herceptin è un anticorpo monoclonale fabbricato in laboratorio ed è stato progettato per riconoscere e legarsi alle proteine ​​HER2 sulla superficie delle cellule tumorali. Rallenta o ferma la crescita del carcinoma mammario HER2-positivo attaccandosi ai recettori e bloccando i segnali di crescita. Inoltre stimola il sistema immunitario del corpo a distruggere le cellule tumorali.

Un corso di Herceptin della durata di 12 mesi per il trattamento del carcinoma mammario in fase iniziale è stato finanziato pubblicamente in Nuova Zelanda dal 2008. Nel carcinoma mammario avanzato / metastatico, il trattamento è finanziato fino a quando il paziente continua a beneficiare.

Herceptin non va a vantaggio delle persone il cui cancro è risultato negativo per i recettori HER2.


Come viene dato Herceptin?

Nel carcinoma mammario precoce, Herceptin viene somministrato in associazione con un regime chemioterapico e successivamente continuato ogni 3 settimane per completare 12 mesi di trattamento. Viene somministrato per infusione in una vena o una porta. Il trattamento viene somministrato in ospedale o in clinica e di solito richiede circa 30 minuti, anche se la prima dose viene somministrata più lentamente nell'arco di 90 minuti per verificare eventuali reazioni avverse.


Possibili effetti collaterali:

    Reazioni all'infusione Queste possono includere febbre e brividi, dolori muscolari, specialmente con la prima dose.
    Nausea
    Mal di testa, vertigini
    Mancanza di respiro
    Fatica
    Lividi a causa del basso numero di piastrine.
    Problemi di cuore:

Questo è un effetto collaterale serio ma meno comune. Herceptin può danneggiare il muscolo cardiaco e ridurre la sua capacità di pompare in modo efficace. Il medico controllerà la salute del tuo cuore prima, durante e dopo il trattamento, sottoponentdoti a ecocardiogramma prima e durante il corso del trattamento per assicurarti che il tuo cuore funzioni correttamente. I problemi cardiaci sono più comuni nelle persone trattate con chemioterapia con Herceptin e antracicline come l'adriamicina.

 


Pertuzumab

Questo è un altro trattamento anticorpale monoclonale che viene utilizzato per il trattamento del carcinoma mammario HER2 positivo avanzato / metastatico. Viene anche somministrato per infusione endovenosa.

Pertuzumab è usato contemporaneamente alla chemioterapia con Herceptin e Docetaxel. Perjeta è attualmente indicato per i pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo che non hanno ricevuto precedente terapia anti-HER2 o chemioterapia per la sua malattia metastatica.



Terapia per metastasi ossee con bifosfonati


I bisfosfanati sono un gruppo di farmaci che sono stati comunemente usati per combattere la perdita ossea e ridurre il rischio di fratture nelle persone con osteoporosi e nel cancro che ha metastasi all'osso.

Tuttavia, molti studi hanno dimostrato che la terapia con bisfosfato può inibire lo sviluppo delle metastasi ossee e migliorare la sopravvivenza quando somministrata come terapia adiuvante alle donne in postmenopausa con carcinoma mammario in fase iniziale. Ciò include le donne che stanno sopprimendo la loro funzione ovarica.

I bisfosfanati possono essere somministrati per via endovenosa o in compresse.

- L'acido zoledronico viene somministrato per infusione ogni sei mesi per un periodo di 2 anni
-Risedronato è somministrato per via orale.

La terapia con bisfosfato viene ora utilizzata in circa due terzi dei pazienti in post menopausa, quindi parla con il tuo oncologo per vedere se questo trattamento è appropriato per te.


Per maggiori informazioni sul tumore della mammella  www.senologia.eu

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella

Il fibroadenoma - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

Il Fibroadenoma


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne provocar…