Passa ai contenuti principali

La prevenzione del linfedema del braccio

 
 La prevenzione del linfedema del braccio dopo intervento di linfectomia ascellare

E' importante che il linfedema venga curato precocemente, non appena compare, da personale specializzato. La terapia di elezione è il trattamento fisico decongestivo tramite mobilizzazione dell’arto e linfodrenaggio manuale. Nelle fasi più evolute può essere associata pressoterapia, bendaggio multistrato e contenzione elastica; più raramente una terapia farmacologica può essere di supporto alla terapia fisica o essere necessario un drenaggio chirurgico (anastomosi linfo-venosa).
 

Alcuni semplici accorgimenti, che devono diventare vere e proprie abitudini quotidiane, possono allontanare quasi del tutto il rischio di comparsa del linfedema .

  1. Applica regolarmente una crema idratante;
  2. Indossa sempre dei guanti per le attività di giardinaggio o simili e non fare mai attività troppo pesanti;
  3. Evita ferite da graffio o morsi di animali, da aghi o spine e da taglienti. Pulisci con attenzione eventuali tagli o graffi e, se necessario, applica una crema antibiotica e copri la ferita; 
  4. Nelle zone infestate da zanzare o altri insetti usa opportuni repellenti e abiti con maniche lunghe;
  5. Evita cerette o rasoi per la depilazione, durante la manicure evita di tagliere le cuticole specie in profondità, meglio spingerle dolcemente; 
  6. Non fare il bagno con acqua eccessivamente calda ed evita bruschi sbalzi di temperatura;
  7. Evita l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde e proteggiti da eventuali scottature utilizzando sempre la crema solare ad alta protezione;
  8. Non indossare gioielli stretti e in generale elastici o indumenti che comprimono il braccio;
  9. Evita movimenti che comportino uno sforzo ripetuto da parte della muscolatura del braccio, come portare pesi (sacchi della spesa, sollevare cassette o scatoloni pesanti) o movimenti ripetitivi prolungati, cerca di non stirare, lavare i vetri o lavorare a maglia troppo a lungo e non praticare sport che affatichino il braccio. Le borse dovrebbero essere portate dal lato opposto;
  10. Non sollevare carichi pesanti con il braccio a rischio.
  11. Quando viaggi in aereo indossa sempre una guaina compressiva (disponibile in un negozio di prodotti sanitari) per equilibrare gli sbalzi di pressione.
  12. Evita prelievi di sangue dal braccio a rischio e fatti misurare la pressione dall’altro lato

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

IL FIBROADENOMA - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

IL FIBROADENOMA


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne prov…