Passa ai contenuti principali

La prevenzione del linfedema del braccio

 
 La prevenzione del linfedema del braccio dopo intervento di linfectomia ascellare

E' importante che il linfedema venga curato precocemente, non appena compare, da personale specializzato. La terapia di elezione è il trattamento fisico decongestivo tramite mobilizzazione dell’arto e linfodrenaggio manuale. Nelle fasi più evolute può essere associata pressoterapia, bendaggio multistrato e contenzione elastica; più raramente una terapia farmacologica può essere di supporto alla terapia fisica o essere necessario un drenaggio chirurgico (anastomosi linfo-venosa).
 

Alcuni semplici accorgimenti, che devono diventare vere e proprie abitudini quotidiane, possono allontanare quasi del tutto il rischio di comparsa del linfedema .

  1. Applica regolarmente una crema idratante;
  2. Indossa sempre dei guanti per le attività di giardinaggio o simili e non fare mai attività troppo pesanti;
  3. Evita ferite da graffio o morsi di animali, da aghi o spine e da taglienti. Pulisci con attenzione eventuali tagli o graffi e, se necessario, applica una crema antibiotica e copri la ferita; 
  4. Nelle zone infestate da zanzare o altri insetti usa opportuni repellenti e abiti con maniche lunghe;
  5. Evita cerette o rasoi per la depilazione, durante la manicure evita di tagliere le cuticole specie in profondità, meglio spingerle dolcemente; 
  6. Non fare il bagno con acqua eccessivamente calda ed evita bruschi sbalzi di temperatura;
  7. Evita l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde e proteggiti da eventuali scottature utilizzando sempre la crema solare ad alta protezione;
  8. Non indossare gioielli stretti e in generale elastici o indumenti che comprimono il braccio;
  9. Evita movimenti che comportino uno sforzo ripetuto da parte della muscolatura del braccio, come portare pesi (sacchi della spesa, sollevare cassette o scatoloni pesanti) o movimenti ripetitivi prolungati, cerca di non stirare, lavare i vetri o lavorare a maglia troppo a lungo e non praticare sport che affatichino il braccio. Le borse dovrebbero essere portate dal lato opposto;
  10. Non sollevare carichi pesanti con il braccio a rischio.
  11. Quando viaggi in aereo indossa sempre una guaina compressiva (disponibile in un negozio di prodotti sanitari) per equilibrare gli sbalzi di pressione.
  12. Evita prelievi di sangue dal braccio a rischio e fatti misurare la pressione dall’altro lato

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella