Passa ai contenuti principali

Protesi mammarie esterne postmastectomia

LE PROTESI MAMMARIE  ESTERNE DOPO MASTECTOMIA


L’asportazione della mammella è forse la conseguenza più traumatica da un punto di vista emotivo dell’operazione al seno. Sebbene la chirurgia, negli ultimi anni, abbia sviluppato sistemi di intervento sempre più mirati e conservativi, a volte un intervento di asportazione (parziale o totale) è l’unica possibilità per salvaguardare al meglio la salute della paziente. Sentirsi diversa, guardarsi allo specchio e vedere modificata la propria fisionomia in una delle parti più intime e importanti per la propria identità di donna: la mastectomia, a volte, può essere più difficile da sopportare della paura della malattia.
Le soluzioni, però, esistono, e sono sempre più risolutive. In questo paragrafo troverai informazioni utili per aiutarti in una scelta che riguarda così da vicino il tuo modo di relazionarti con il tuo corpo.
Prima di prendere qualsiasi decisione, devi valutare, con la maggiore serenità possibile, il significato profondo che ha avuto per te l’asportazione della mammella. Per alcune donne, infatti, questa mutilazione non ha conseguenze psicologiche gravi. Anzi, alcune portano la loro cicatrice e la loro nuova “forma” con orgoglio e quasi come una “ferita di battaglia”. Per altre, invece, la mancanza di un seno è una perdita simbolica che deve essere assolutamente colmata.
In poche parole, valuta che cosa senti veramente giusto per te, libera dai condizionamenti degli altri, dall’estetica corrente e da quello che pensi si debba fare. È necessario però aggiungere che non sono solo motivi di ordine estetico che spesso rendono consigliabile una protesi o un intervento ricostruttivo: la mastectomia, infatti, crea un’inevitabile asimmetria, che può influire negativamente sull’equilibrio della colonna vertebrale.

Le protesi esterne. Sono la soluzione meno invasiva e più rapida per riempire immediatamente il vuoto e permettono di riportare in modo semplice la fisionomia a quella che era prima dell’intervento. Le protesi, infatti, sono speciali imbottiture che si infilano all’interno della normale corsetteria o di speciali reggiseni, secondo il modello, e possono essere di diverso materiale, come gel di silicone, fiberfill (poliestere siliconizzato), gomma. I negozi specializzati in articoli sanitari dispongono di una certa varietà di modelli, di colori e naturalmente di misure, che possono applicarsi con facilità alla pelle, a vantaggio della stabilità, anche durante il movimento.Ti accorgerai che anche in questo campo la tecnologia è estremamente avanzata, ed è riuscita a far incontrare la funzionalità e il comfort con l’estetica.
Se acquisti una protesi, fai molta attenzione a scegliere il modello per te più confortevole e più vicino alla tua forma naturale. Sarà più facile non solo indossarla, ma anche accettarla da un punto di vista psicologico.
Tieni comunque presente che le protesi sono sempre e comunque “applicazioni esterne”. Per quanto siano concepite per adattarsi al corpo al meglio, possono dare qualche disagio, in particolare al mare, con vestiti leggeri o nell’intimità.

A chi sono adatte? A donne che non hanno particolari problemi ad accettare la loro nuova condizione dopo l’intervento al seno e in generale possono essere una buona soluzione per le donne più anziane che preferiscono non affrontare un nuovo intervento chirurgico anche se ricostruttivo.

Da ANDOS

Per ulteriori informaqzioni sul tumore della mammella   www.senologia.eu

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

IL FIBROADENOMA - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

IL FIBROADENOMA


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne prov…