Passa ai contenuti principali

Festa della mamma 2019: torna l’Azalea della Ricerca di Airc

Domenica 12 maggio l’iniziativa, partita nel 1984, porterà oltre 20.000 volontari in 3700 piazze italiane per distribuire i fiori simbolo della lotta al cancro al seno e agli organi riproduttivi 

Con la Festa della mamma 2019 torna l’iniziativa dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, che ancora una volta sarà presente in moltissime piazze nazionali per distribuire le azalee allo scopo di finanziare nuovi progressi in ambito di “prevenzione, diagnosi e cura del cancro al seno e agli organi riproduttivi”. Il progetto dell’Azalea della Ricerca è partito nel 1984, con l'obiettivo di diffondere maggiore consapevolezza tra gli italiani riguardo ad abitudini e comportamenti più salutari che possono giocare un importante ruolo nella lotta ai tumori. Domenica 12 maggio 2019 saranno più di 20.000 i volontari Airc impegnati in tutta Italia nella raccolta fondi.

Airc, non solo azalee: una guida per la prevenzione

Uno splendido fiore che racchiude un significato profondo. Per L’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, l’azalea è il simbolo che rappresenta l’importanza di un impegno continuo e concreto per “migliorare la prevenzione e la cura dei tumori femminili”, come si legge sul portale dell’Airc. Anche per la Festa della Mamma 2019, l’associazione potrà contare su oltre 20.000 volontari in 3700 piazze italiane per distribuire l’Azalea della Ricerca, che si potrà avere a fronte di un contributo di 15 euro. L’iniziativa non termina però con l’acquisto della pianta: insieme ad essa, i donatori riceveranno una guida contenente sia i pareri di vari esperti che gli obiettivi di ricerca recentemente raggiunti e le abitudini che favoriscono la prevenzione dei tumori nelle donne.

Azalea della Ricerca: 32 milioni di euro in tre anni

Come di consueto, il portale festadellamamma.it è aggiornato con le informazioni più recenti riguardanti l’iniziativa dell’Azalea della Ricerca. Grazie a uno dei servizi proposti sul sito basterà inserire il proprio indirizzo per trovare le piazze più vicine nelle quali i volontari Airc distribuiranno i fiori e potranno fornire più informazioni. Negli ultimi tre anni, grazie alle donazioni ottenute l’associazione ha raccolto circa 32 milioni di euro, messi a disposizione dei ricercatori per studi sulle neoplasie al seno e agli organi riproduttivi che, sottolinea Airc, “solamente lo scorso anno in Italia si stima abbiano colpito 68.300 donne”. Secondo Carlotta Giorgi, ricercatrice dell’Università di Ferrara e una dei 5000 scienziati che sono scesi in campo per rappresentare la campagna dell’associazione, Airc sta contribuendo in maniera fondamentale allo studio del “ruolo della ‘proteina-freno’ PML nel microambiente attorno al tumore dove si trovano le cellule del sistema immunitario, con l’obiettivo di identificare una terapia combinata che renda il tumore sensibile ai farmaci chemioterapici e meno capace di crescere, e che riattivi anche la piena risposta immunitaria”.

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

IL FIBROADENOMA - notizie utili sulla più frequente patologia benigna della mammella

IL FIBROADENOMA


Il fibroadenoma e' il piu' frequente tumore benigno , con una massima incidenza nelle donne giovani tra i 20 e 50 anni.
I fibroadenomi hanno la tendenza ad aumentare di volume durante la gravidanza e a regredire dopo la menopausa.Generalmente si presentano con un nodulo unico ma in circa il 15% dei casi si possono essere multipli.
Il fibroadenoma e' considerato un processo iperplastico che coinvolge una unita terminale dutto –lobulare ed il tessuto connettivo circostante.Dalle ultime ricerche sembra che la cellula originaria del fibroadenoma sia il fibroblasto.
Influenza ormonale e fibroadenoma:Essendo i fibroadenomi costituiti dalle stesse cellule del tessuto mammario normale, essi mostrano uguale risposta della ghiandola mammaria agli stimoli ormonali ed in particolare tendono ad aumentare durante la gravidanza e all’allattamento e a diminuire in menopausa.L’utilizzo di pillola anticoncezionale non sembra influenzare l’incidenza del fibroadenoma , ne prov…