Passa ai contenuti principali

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene



 
Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale  efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva  e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene.
Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) e Prozac (fluoxetina), così come l'antagonista della serotonina e l'inibitore del reuptake Oleptro (trazodone), possono interferire con il trattamento con tamoxifene in alcune donne. Tuttavia, non tutti gli studi hanno trovato un collegamento. L'esposizione alla luce notturna sopprime la produzione di melatonina , che a sua volta può portare alla resistenza al tamoxifene . L'uso regolare di aspirina sembra migliorare l'efficacia del tamoxifene. Prove preliminari suggeriscono che l'uso a lungo termine di tamoxifene potrebbe aumentare il rischio di degenerazione maculare.
Tamoxifene e peso corporeo
Uno studio ha riportato che le secrezioni da cellule staminali adipose di donne obese potrebbero essere in grado di contrastare gli effetti del trattamento con il tamoxifene, suggerendo che il sovrappeso potrebbe contribuire alla resistenza al tamoxifene. Inoltre, è stato riscontrato che l' aumento di peso , che è comune durante il trattamento con tamoxifene, è associato a prognosi meno favorevole.
Tamoxifene e colesterolo
Esistono prove del fatto che le cellule tumorali al seno che non rispondono al tamoxifene potrebbero utilizzare il colesterolo per proteggersi dal farmaco. Sebbene non sia chiaro che la riduzione del colesterolo alimentare influirebbe notevolmente su questo processo, può avere senso per i pazienti con carcinoma mammario in trattamento con tamoxifene ridurre il loro colesterolo a livelli normali.
Il tamoxifene potrebbe aumentare il rischio di diabete di tipo 2
È stato riferito che l'uso di tamoxifene nel trattamento per carcinoma mammario è associato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2 . Questo rischio può essere più elevato nelle donne che hanno altri fattori di rischio per il diabete.
La vitamina D e altri micronutrienti influenzano il trattamento con tamoxifene
La vitamina D ha dimostrato di inibire la crescita delle cellule cancerose della mammella resistenti al tamoxifene in laboratorio e si è scoperto che il resveratrolo riduce la loro proliferazione. Il selenio e l'acido linoleico coniugato ( CLA ) possono migliorare l'efficacia del tamoxifene, mentre la vitamina C , la vitamina E , il trifoglio rosso e la tangeretina hanno dimostrato di ridurlo. Inoltre, le verdure di brassica contengono sulforaphane , un inibitore dell'istone deacetylase (HDAC) che può causare un aumento sinergico di apoptosi e morte cellulare in combinazione con tamoxifene
Alimenti che aumentano l'efficacia del trattamento con tamoxifene
È stato riscontrato che i seguenti alimenti (o componenti principali) aumentano gli effetti del tamoxifene nel trattamento del cancro al seno .
salmerino alpino
carciofi
Rucola
Peperoni
Cumino nero
Pepe nero
More
Mirtilli e mirtilli
Bok Choy
Broccoli e germogli di broccoli
cavoletti di Bruxelles
Grano saraceno
Zucca torta
Cavolo
Carote
Cavolfiore
Cuori di sedano e sedano
Ciliegie, soprattutto acide o crostate
Pollo, fegati organici , ma non fegati o pelle di pollo
Erba cipollina
coriandolo
caffè
Verdure verdi
Mirtilli e mirtilli rossi
Ribes, nero
Semi di lino e olio di semi di lino
Aglio Fresco
Zenzero
Uva e succo d'uva, rosso
Tè verde
aringa
Rafano e wasabi
Peperoncino
cavolo
kefir
trota di lago
Limoni
Limes
Sgombro
Funghi
Mostarda
Senape
Olio d'oliva, extravergine e olive
Cipolle, verdi o rosse
Prezzemolo
Melograni e succo di melograno
zucche
Riso, marrone, nero o viola
Salmone, selvaggio
sardine
Alghe, marrone
Fragole
Pomodori
Turchia, biologica
Rape e cime di rapa
Noci e olio di noci
Crescione e crescione del giardino
Zucchine
Alimenti e integratori che non devono essere utilizzati durante il trattamento con tamoxifene
I seguenti alimenti (o componenti principali) e integratoripotrebbero  ridurre l'efficacia del tamoxifene e dovrebbero essere evitati durante il trattamento con tamoxifene:
alcool
Integratori di apigenina
Succo di clementina
Supplementi di curcumina o curcuma
Integratori di genisteina, daidzeina o equolo
Integratori Goldenseal
Pompelmo
Dieta ricca di proteine
TOS, combinato (estrogeno più progestinico)
Supplementi I3C o DIM
Integratori di L-carnitina
Scorza di arancia o mandarino - si trova nel tè all'arancia, marmellata di arance, pollo all'arancia di Szechuan
Integratori di trifoglio rosso
carne rossa
semi di sesamo
Integratori Si-Wu-Tang
Integratori a calotta cranica
Alimenti a base di soia, in particolare soia , isolato di proteine ​​di soia , pasta di soia
Supplementi di iperico
Integratori di Suan-Tsao-Ren-Tang
Integratori di mandarino
Integratori di vitamina C.
Integratori di vitamina E.
Esistono numerosi studi su cellule e animali che dimostrano che la curcumina presente nella curcuma può migliorare l'efficacia del tamoxifene. Tuttavia, i supplementi di curcumina possono interferire con il trattamento con tamoxifene perché potenzialmente forniscono curcumina a dosi farmacologiche (piuttosto che a dosi chemiopreventive). Vedere Tamoxifene e legame con curcumina all'albumina sierica nell'elenco di studio di seguito.
Vi sono anche alcune prove che l'esposizione al bisfenolo A ( BPA ), ai parabeni o al fumo di sigaretta potrebbe interferire con l'efficacia del trattamento con tamoxifene.
Alimenti che riducono il rischio di cancro dell'endometrio
I seguenti alimenti (o componenti principali) sono stati associati a un minor rischio di carcinoma dell'endometrio, proteggendo al contempo dal carcinoma mammario:
Rucola
Peperoni
Pepe nero
Tè nero
Noci brasiliane
broccoli
cavoletti di Bruxelles
Carote
Ciliegie acide
Verdure verdi
Aglio
Tè verde
aringa
Miele, trasformato minimamente *
Peperoncino
cavolo
trota di lago
porri
Lattuga, Roma
Sgombro
Senape
Cipolle
Melograni e succo di melograno
zucche
Lamponi, in particolare neri
Zafferano
Salmone, selvaggio
sardine
'*Con moderazione.
Alimenti che aumentano il rischio di cancro dell'endometrio
Gli alimenti e gli integratori elencati di seguito sono stati associati ad un aumentato rischio di cancro endometriale. Dolci e altri alimenti ad alto indice glicemico , nonché grassi animali, hanno dimostrato di aumentare il rischio. L'esposizione al cadmio è associata ad un aumentato rischio. Gli alimenti ad alto contenuto di acrilamide , come patatine fritte, cereali, patatine fritte, patate e prodotti da forno, hanno anche dimostrato di aumentare il rischio di cancro dell'endometrio.
Bacon
Manzo
Pane, baguette e cornetti
Burro
Formaggio, grasso intero
Biscotti, caramelle e torte
Plantani maturi fritti
Genistein e daidzein
muesli
Latte (intero)
Patate, patatine e patatine fritte
Dessert Dolci
Cereali per la colazione zuccherati
Carne ben cotta o fritta
riso bianco

È stato anche riscontrato che l'uso a lungo termine di coperte elettriche è associato ad un aumentato rischio di cancro endometriale e deve essere evitato.
È stato riportato che gli alimenti seguenti riducono la probabilità di coaguli di sangue proteggendo o essendo neutri rispetto al rischio di cancro al seno.
Alimenti che riducono il colesterolo
I seguenti alimenti hanno dimostrato di migliorare il profilo del colesterolo e allo stesso tempo di proteggere dal cancro al seno:
Mele
carciofi
Peperoni
mirtilli
broccoli
riso integrale
cavoletti di Bruxelles
Grano saraceno
Cavolo
Carote
Sedano
ciliegie
Mirtilli
Cetrioli
Fagioli secchi
Pesce grasso
Olio di semi di lino
Uva
verdura
Rafano
Peperoncino
cavolo
Lattuga
Funghi
Olio d'oliva
Melograni e succo di melograno
Alga marina
Noci e olio di noci
Alimenti che aumentano il colesterolo
I seguenti alimenti hanno dimostrato di peggiorare il profilo del colesterolo:
Bacon
Manzo
Burro
Caviale
Formaggio
caffè
Latte intero o panna
Olio parzialmente idrogenato
Maiale
Commenti aggiuntivi
Il tamoxifene è un modulatore selettivo del recettore degli estrogeni (SERM), che regola ER verso il basso ma non ERβ (al contrario, inibitori dell'aromatasi come Arimidex up-regola ERβ). Il tamoxifene è efficace nella prevenzione del carcinoma mammario ER + e nel trattamento delle fasi iniziali, ma questa efficacia può diminuire nel tempo se il tumore progredisce nonostante il trattamento. Inoltre, il tamoxifene non previene il carcinoma mammario ER. Le donne che sviluppano un carcinoma mammario primario o una recidiva nonostante il trattamento con tamoxifene hanno un rischio maggiore di sviluppare un carcinoma mammario ER, una malattia più aggressiva di ER +.
Pertanto, è importante che le donne in trattamento con tamoxifene mangino un'ampia varietà di alimenti dalla  lista raccomandata e limitino o evitino quelli nella  lista di evitare , oltre a prestare particolare attenzione agli alimenti sopra elencati. Si prega di consultare il nostro articolo su come ottimizzare la dieta del cancro al seno per informazioni su cosa mangiare durante tutte le fasi del trattamento e del recupero.

             lavori Scientifici




      Per maggiori informazioni sul tumore della mammella  www.senologia.eu



Post popolari in questo blog

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…