Passa ai contenuti principali

Alimentazione il trattamento con inibitori dell'aromatasi nel tumore al seno ;Femara (letrozolo), Arimidex (anastrozolo) e Aromasin (exemestane).



Gli inibitori dell'aromatasi sono farmaci in grado per inibire l'azione dell'enzima aromatasi, che converte gli androgeni in estrogeni mediante un processo chiamato aromatizzazione.
  Gli inibitori dell'aromatasi includono Femara (letrozolo), Arimidex (anastrozolo) e Aromasin (exemestane).
  Gli inibitori dell'aromatasi sono generalmente utilizzati per il carcinoma mammario positivo al recettore degli estrogeni (ER +) nelle donne in postmenopausa. Poiché la crescita del carcinoma mammario ER + (cioè sensibile agli estrogeni) è promossa dagli estrogeni, la riduzione della produzione di estrogeni nel corpo è progettata per ridurre la recidiva.
Si noti che mentre gli inibitori dell'aromatasi bloccano la produzione di estrogeni, il tamoxifene interferisce con la capacità di un tumore di utilizzare estrogeni.
Ci sono alcuni alimenti che inibiscono anche l'aromatasi e altri alimenti che aumentano l'aromatasi o interferiscono in altro modo con gli inibitori dell'aromatasi. Si prega di consultare anche il nostro articolo sulle ultime ricerche sull'impatto del trattamento endocrino sulla prognosi del carcinoma mammario.
Gli inibitori dell'aromatasi normalmente non sono usati per trattare il carcinoma mammario nelle donne in premenopausa a meno che non siano accompagnati dalla soppressione della funzione ovarica poiché l'inibizione dell'aromatasi non influisce sulla produzione di estrogeni da parte delle ovaie (che è la fonte più abbondante di estrogeni nelle donne in premenopausa). Nella misura in cui un inibitore dell'aromatasi ha diminuito la produzione di estrogeni in una donna in premenopausa, la riduzione tende a stimolare le ovaie ad aumentare la produzione di androgeni, neutralizzando così l'effetto dell'inibitore dell'aromatasi.
L'aumento di peso dopo la diagnosi di carcinoma mammario ha dimostrato di aumentare le vampate di calore nei sopravvissuti al carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi. A vari livelli, le donne che assumono inibitori dell'aromatasi avvertono anche effetti collaterali come un aumento dei disturbi articolari, un aumento dell'incidenza di fratture, atrofia vaginale / urogenitale e colesterolo alto (specialmente per coloro che passano dal tamoxifene). Ci sono alcuni alimenti che possono ridurre questi effetti collaterali e allo stesso tempo ridurre il rischio di recidiva del cancro al seno.

Alimenti che aumentano l'efficacia degli inibitori dell'aromatasi

È stato scoperto che i seguenti alimenti (o i principali componenti bioattivi) inibiscono l'aromatasi o aumentano l'efficacia degli inibitori dell'aromatasi e sono raccomandati durante il trattamento:
Rucola
Fagioli secchi
Peperoni
More
Mirtilli e mirtilli
boysenberries
Broccoli e germogli di broccoli
cavoletti di Bruxelles
Zucca torta
Cavolo
Carote
Cavolfiore
Sedano
Ciliegie, acide o crostate
coriandolo
Verdure verdi
Mirtilli e Ligonberries
Semi di lino e olio di semi di lino, biologici
Zenzero
Uva e succo d'uva, rosso
Rafano e wasabi
Peperoncino
cavolo
Funghi, pulsante bianco e affini
Mostarda
Senape
Olio d'oliva, extravergine
Olive
Prezzemolo
Melograni e succo di melograno
zucche
lamponi
Riso, nero, rosso o viola
Pomodori
Cime di rapa
Rape
Noci e olio di noci
Crescione
Zucchine

Alimenti, integratori e altri da evitare durante l'assunzione di inibitori dell'aromatasi

È stato riscontrato che quanto segue aumenta l'aromatasi o riduce l'efficacia degli inibitori dell'aromatasi e deve essere limitato o evitato durante il trattamento:
alcool
Buccia di agrumi
Olio di mais
daidzeina
genistein
Integratori Goldenseal
Pompelmo e succo di pompelmo
Integratori di esperetina o esperidina
Terapia ormonale sostitutiva , compresi ormoni bioidentici o naturali
Supplementi I3C o DIM
Olio di arachidi
Olio di cartamo
Olio di semi di soia
Pasta Di Soia
Isolato di proteine ​​di soia
Erba di San Giovanni
Olio di semi di girasole
È stato anche scoperto che il fumo di sigaretta riduce drasticamente l'efficacia del trattamento con inibitori dell'aromatasi.

Alimenti che riducono in sicurezza gli effetti collaterali degli inibitori dell'aromatasi

I seguenti alimenti (o componenti principali) hanno dimostrato di aiutare a ridurre gli effetti collaterali degli inibitori dell'aromatasi:
Chartic artico - perdita ossea, dolori articolari
Tè nero - perdita ossea
More - perdita ossea
Carote - perdita ossea
Ciliegie, acide o acide - dolori articolari
Fagioli secchi - perdita ossea
Zenzero - dolori articolari
Tè verde - perdita ossea
Aringhe - perdita ossea, dolori articolari
Cavolo - perdita ossea
Trota di lago - perdita ossea, dolori articolari
Sgombro - perdita ossea, dolori articolari
Olio d'oliva - perdita ossea, dolori articolari
Arance - perdita ossea
Prugne - perdita ossea
Melograno - perdita ossea, dolori articolari
Prugne - perdita ossea
Lamponi - dolori articolari
Salmone, perdita di ossa selvatiche, dolori articolari
Sardine - perdita ossea, dolori articolari
Noci - perdita ossea, dolori articolari
Mentre la vitamina D potrebbe ridurre i dolori articolari e il rischio di fratture, uno studio del 2011 ha riportato che le donne che assumevano integratori di vitamina D durante il trattamento con inibitori dell'aromatasi avevano livelli di estrogeni circolanti più elevati. I risultati dello studio non sono stati replicati fino ad oggi. Tuttavia, suggerisce che le donne dovrebbero sottoporsi a test dei loro livelli di vitamina D e lavorare con i loro oncologi per aumentare i loro livelli, se necessario, piuttosto che assumere alte dosi senza supervisione.
L'aspirina sembra essere sicura da assumere durante il trattamento con inibitori dell'aromatasi. Le donne non dovrebbero usare bracciali in rame o indumenti di compressione in rame per alleviare il dolore da artrite. Il rame ha dimostrato di contribuire all'angiogenesi e alle metastasi del carcinoma mammario.
Gli estrogeni vaginali a basso dosaggio, usati per alleviare la secchezza vaginale e la relativa atrofia urogenitale, sembrano essere sicuri per le donne in postmenopausa dopo il completamento del trattamento con inibitori dell'aromatasi.

Alimenti e bevande che potrebbero peggiorare gli effetti collaterali degli inibitori dell'aromatasi

Quanto segue dovrebbe essere limitato durante il trattamento con inibitori dell'aromatasi poiché un elevato consumo potrebbe contribuire alla perdita ossea:
Cioccolato
caffè

Commenti aggiuntivi

Suggeriamo ai pazienti con al carcinoma mammario sensibili agli estrogeni  di mangiare una grande varietà di alimenti dalla nostra lista raccomandata e di limitare o evitare quelli nella nostra lista da evitare , oltre a prestare particolare attenzione agli alimenti, alle spezie e agli integratori nelle liste sopra. Si noti che l'aumento di peso durante il trattamento con inibitori dell'aromatasi è risultato associato a prognosi meno favorevole.


Di seguito sono riportati collegamenti a studi recenti sul trattamento con inibitori dell'aromatasi. Per un elenco più completo di studi, vedere il tag degli inibitori dell'aromati



 Per maggiori informazioni vai www.senologia.eu

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella