Passa ai contenuti principali

Carcinoma lobulare della mammella e Carcinoma lobulare in situ (LCIS)

Carcinoma mammario lobulare e LCIS

  Circa 15% dei tumori al seno invasivi  è classificato come lobulare, il che si riferisce al fatto che il tumore si è sviluppato nelle cellule che rivestono le ghiandole che producono latte (lobuli) del seno. Il tipo istologico più comune di carcinoma mammario, che rappresenta circa il 70 percento dei casi, è il carcinoma mammario duttale , che si forma nei dotti del latte. Quasi la metà delle donne con diagnosi di carcinoma mammario lobulare viene trattata con mastectomia , inizialmente o dopo una lumpectomia che non provoca margini puliti .
È più probabile che il carcinoma lobulare sia multifocale (più di un tumore per seno), bilaterale (diagnosticato contemporaneamente in entrambi i seni) e positivo sia per il recettore degli estrogeni che per il recettore del progesterone ( ER + / PR + ) rispetto al carcinoma mammario duttale. È raro che il carcinoma mammario lobulare sia HER2 positivo . Il carcinoma mammario lobulare ha anche maggiori probabilità di avere una componente ereditaria. In effetti, i pazienti con carcinoma mammario lobulare hanno maggiori probabilità di avere un padre con diagnosi di cancro, in particolare il cancro alla prostata.
L'uso della terapia ormonale sostitutiva ( TOS ) ha dimostrato di aumentare il rischio di carcinoma mammario lobulare, così come l'uso del sistema intrauterino levonorgestrel (LNG-IUS), un dispositivo di tipo IUD.
  L'uso di statine a lungo termine è stato anche trovato associato ad un aumentato rischio di carcinoma mammario lobulare in uno studio. Un altro studio ha riferito che l'uso a lungo termine dei bloccanti dei canali del calcio (un tipo di farmaco per la pressione alta) ha più che raddoppiato il rischio di carcinoma mammario lobulare nelle donne in postmenopausa.
Alcuni ricercatori hanno suggerito che la chemioterapia non è utile o addirittura controindicata per il carcinoma mammario lobulare. Tuttavia, questo non è dimostrato. Uno studio del 2015 ha riportato che il trattamento con l' inibitore dell'aromatasi Femara ha determinato una migliore sopravvivenza libera da malattia rispetto al tamoxifene nelle donne con carcinoma mammario lobulare ER +. In ogni caso, ha senso che le decisioni terapeutiche debbano basarsi su fattori quali le dimensioni del tumore , lo stato dei linfonodi , l'indice di proliferazione ( Ki-67 ), lo stato dei recettori ormonali e altri fattori prognostici oltre al tipo istologico.
Le donne con carcinoma mammario lobulare hanno maggiori probabilità di contrarre metastasi ovariche e gastriche (stomaco) rispetto a quelle con altri tipi di carcinoma mammario.

LCIS ( Carcinoma lobulare in situ)

Le donne con carcinoma lobulare in situ ( LCIS ) o iperplasia lobulare atipica (un possibile precursore sia del LCIS che del carcinoma mammario invasivo) presentano un rischio significativamente più elevato rispetto alla media del carcinoma mammario invasivo, ma il rischio è più elevato per lo sviluppo di carcinoma mammario duttale e lobulare . LCIS ​​si trova in meno del 2% di tutti i tumori al seno. Neoplasia lobulare è un termine globale che si riferisce sia all'LCP che all'iperplasia lobulare atipica.
Un piccolo studio del 2015 ha riferito che il 50% dei tumori lobulari invasivi alla fine insorti in donne con LCIS erano clonalmente correlati, in altre parole, molto simili geneticamente con mutazioni condivise. Un totale del 58% delle lesioni del carcinoma duttale in situ ( DCIS ) che si sviluppano nelle donne con LCIS erano correlate clonalmente, ma con un numero inferiore di mutazioni condivise rispetto a quelle riscontrate nel LCIS nei casi lobulari. Nessuna evidenza di una relazione clonale è stata trovata in nessuno dei casi di carcinoma mammario duttale invasivo insorto in donne con LCIS.

Rischio di progressione da LCIS a carcinoma mammario invasivo

Uno studio del 2017 ha riportato che l'incidenza cumulativa di carcinoma mammario invasivo di sette anni era del 9,9% dopo una diagnosi iniziale di iperplasia atipica o LCIS. Tuttavia, uno studio canadese ha riportato che il rischio cumulativo di 20 anni di sviluppare carcinoma mammario invasivo era del 21,3% per i pazienti con LCIS. Un altro studio ha riferito che l'incidenza annuale di carcinoma mammario (incluso DCIS) è stata del 2% tra le donne con LCIS. Uno studio del 2015 ha concluso che le donne di età inferiore ai 35 anni con diagnosi di LCIS e altre forme di iperplasia atipica dovrebbero essere seguite attentamente, ricevendo uno screening annuale del carcinoma mammario a partire dall'età di 25 anni o dall'età della diagnosi. Ciò si basava sul fatto che il 12% di queste donne sviluppava il cancro al seno in una mediana di 90 mesi.
Gli sforzi per prevedere quali pazienti LCIS progrediranno nel carcinoma mammario invasivo non hanno avuto molto successo. Tuttavia, uno studio ha scoperto che LCIS con alta espressione di Ki-67 (un marker di proliferazione) ha maggiori probabilità di progredire verso il carcinoma mammario invasivo rispetto al basso Ki-67. Anche la LCIS che può essere rilevata manualmente (LCIS palpabile) ha maggiori probabilità di progredire verso il carcinoma mammario invasivo. Si noti che LCIS palpabile può sembrare un'area di ispessimento o compattezza piuttosto che un nodulo. Anche il carcinoma lobulare pleomorfo in situ (PLIS) ha maggiori probabilità di progredire. Uno studio ha riferito che il fumo di sigaretta ha aumentato il rischio di carcinoma mammario invasivo tra le donne con LCIS.
Poiché la maggior parte delle donne con LCIS non sviluppa un carcinoma mammario invasivo, alcune non subiscono un intervento chirurgico per rimuovere la lesione da LCIS. Piuttosto, sono sottoposti a maggiore sorveglianza e possono essere sottoposte  un trattamento endocrino . Tuttavia, poiché una sostanziale minoranza di donne a cui è stata diagnosticata la LCIS in base alla biopsia con ago del nucleo è risultata avere un carcinoma mammario invasivo dopo biopsia chirurgica aperta, molti esperti ritengono che l'escissione chirurgica dovrebbe seguire la biospia dell'ago per confermare che la diagnosi è limitata a non invasiva cancro al seno. È anche importante che le donne che progrediscono nel carcinoma mammario invasivo abbiano rimosso chirurgicamente tutto il loro LCIS.
L'immagine è più chiara per il carcinoma lobulare pleomorfo in situ (PLIS), un tipo di LCIS più ad alto rischio. Quando ai pazienti viene diagnosticata la PLCIS mediante una biopsia con ago, la lesione deve essere rimossa chirurgicamente. Inoltre, è necessario eseguire una nuova escissione se si riscontra qualsiasi PLCIS o LCIS presso o vicino ai margini chirurgici .

Diagnosi del carcinoma mammario lobulare

Il carcinoma mammario lobulare è meno visibile su mammografie, ecografie e risonanza magnetica mammaria rispetto al carcinoma mammario duttale perché le cellule tumorali si infiltrano tra le cellule normali in modo molto regolare. Tipicamente, il carcinoma mammario lobulare non forma un nodulo discreto. Invece, il seno può sentirsi più spesso o più sodo nell'area del tumore. A causa di questi fattori, il carcinoma mammario lobulare viene spesso diagnosticato quando ha raggiunto un diametro maggiore rispetto ad altri tipi di carcinoma mammario. Alcuni ricercatori hanno raccomandato di eseguire una risonanza magnetica di entrambi i seni quando viene diagnosticato un carcinoma mammario lobulare sulla base di una biopsia al fine di trovare altri tumori che potrebbero essere presenti.
Nonostante la difficoltà di imaging del carcinoma mammario lobulare, poiché questo tipo in genere non si comporta in modo aggressivo, i pazienti con carcinoma mammario lobulare tendono ad avere una prognosi relativamente buona. D'altra parte, il carcinoma mammario lobulare che è palpabile (cioè che può essere rilevato manualmente) è associato a un grado di tumore più elevato e una sopravvivenza peggiore rispetto al carcinoma lobulare che non può essere sentito a mano. Inoltre, il carcinoma mammario lobulare può recidivare molti anni dopo la diagnosi e il trattamento iniziali.
Si prega di consultare il nostro articolo sulla dieta per i pazienti con carcinoma mammario lobulare e le sopravvissute informazioni relative alla dieta e agli integratori. Suggeriamo che i pazienti con LCIS e i pazienti con carcinoma mammario lobulare  facciano riferimento anche agli articoli che discutono i loro singoli sottotipi di carcinoma mammario (ad esempio ER + / PR + , ER + / PR- , triplo negativo ).



 Alcuni riferimenti scientifici


Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella