Passa ai contenuti principali

Carcinona duttale della mammella e Carcinoma duttale in situ (DCSI)

Carcinoma duttale della mammella  e DCIS

  Circa il 75% dei tumori al seno invasivi è classificato come duttale, il che si riferisce al fatto che il cancro si è sviluppato all'interno dei dotti galattofori. Il secondo tipo istologico più comune di carcinoma mammario invasivo, che rappresenta circa il 15 percento dei casi, è il carcinoma mammario lobulare , che si forma nelle cellule che rivestono le ghiandole che producono latte (lobuli) del seno.
Il carcinoma duttale in situ ( DCIS ), chiamato anche carcinoma intraduttale, si riferisce alle cellule tumorali che si sono formate nei dotti del latte ma che sono confinate lì. Attualmente, circa il 20% delle nuove diagnosi di carcinoma mammario sono DCIS (senza un componente invasivo) e oltre il 40% dei tumori al seno invasivi sono associati al DCIS adiacente. DCIS è classificato come non invasivo perché le cellule anormali non si sono diffuse oltre le pareti del condotto per invadere il tessuto mammario circostante. Il DCIS a cui è stata diagnosticata una biopsia con ago dovrebbe essere confermato utilizzando la chirurgia a cielo aperto poiché esiste una possibilità su quattro di trovare un carcinoma mammario invasivo nella posizione, secondo un esperto.
Se non trattata, almeno un terzo delle lesioni DCIS passerà al carcinoma mammario invasivo. Anche quando trattati, circa il 12% delle donne trattate per DCIS con chirurgia viene successivamente diagnosticato un carcinoma mammario invasivo. La progressione dal DCIS al carcinoma mammario invasivo è più probabile nei soggetti con DCIS HER2 + o triplo negativo ( ER- / PR- / HER2- ) o con una storia familiare di carcinoma mammario. Tuttavia, è stato stimato che meno del 2% delle donne muore di carcinoma mammario entro 10 anni dalla diagnosi di DCIS. L'iperplasia duttale atipica non è considerata un tumore, ma è un fattore di rischio per DCIS e carcinoma mammario invasivo. Si prega di consultare il nostro articolo sulla ricorrenza del DCIS per ulteriori informazioni sugli esiti dopo il trattamento per DCIS.

L'incidenza del DCIS è in aumento

L'incidenza del DCIS è aumentata negli ultimi anni, passando da 1,87 per 100.000 a metà degli anni '70 a 32,5 per 100.000 a metà degli anni 2000, secondo uno studio commissionato dal National Institutes of Health. È stato riscontrato che l'incidenza aumenta nelle donne di tutte le età, ma ancora di più nelle donne di età superiore ai 50 anni. Un maggiore uso dello screening mammografico per il carcinoma mammario rappresenta alcuni, ma non tutti, di questo aumento. L'imaging a risonanza magnetica ( MRI ) del seno è risultato più sensibile della mammografia per rilevare malattie multicentriche e stimare le dimensioni del tumore tra i pazienti con DCIS.

  Tumorectomia più radioterapia è un trattamento efficace per DCIS (carcinoma duttale in situ)

La Lumpectomia più la radioterapia e la mastectomia producono risultati simili ed entrambi sono superiori alla sola lumpectomia. La chirurgia di riduzione del seno può essere combinata con successo con la lumpectomia per trattare DCIS in alcuni pazienti. Tuttavia, durante la procedura si devono ottenere margini negativi, altrimenti si devono eseguire la recisione o il completamento della mastectomia e della ricostruzione.

Carcinoma mammario duttale, DCIS e farmaci da prescrizione

La sovraespressione di cicloossigenasi 2 (COX-2) è stata segnalata nel 60-80% dei casi di DCIS. Sulla base di questi risultati e di altri rapporti, gli autori di uno studio hanno ipotizzato che gli inibitori della COX-2 avrebbero ridotto la progressione verso il carcinoma mammario invasivo. Tuttavia, il trattamento di topi inclini allo sviluppo di lesioni simili a DCIS con un inibitore della COX-2 non è riuscito inaspettatamente a ridurre lo sviluppo del tumore mammario o prevenire metastasi .
Ci sono stati anche alcuni studi incentrati sul rischio e sugli esiti del DCIS in relazione ai bifosfonati e alle statine . Le donne che usano bifosfonati come Fosamax, Boniva e Actonel per curare l'osteoporosi hanno dimostrato di sviluppare significativamente meno casi di carcinoma mammario invasivo, ma più casi di DCIS. L'uso della statina lipofila Lescol (fluvastatina) è stato trovato per ridurre la proliferazione tumorale e aumentare la morte delle cellule tumorali in alcuni casi di DCIS. D'altro canto, uno studio recente ha riportato che l'uso a lungo termine di statine era associato ad un aumento dei rischi di carcinoma mammario duttale e lobulare.
Uno studio del 2013 ha riferito che l'uso a lungo termine di calcio-antagonisti (un tipo di farmaco per la pressione alta) ha più che raddoppiato il rischio di carcinoma mammario duttale nelle donne in postmenopausa. Un altro studio del 2015 ha riferito che l'uso del sistema intrauterino di levonorgestrel (LNG-IUS), un dispositivo di tipo IUD, ha aumentato il rischio di carcinoma mammario duttale.

L'irradiazione parziale del seno può essere efficace per il carcinoma mammario duttale in stadio iniziale

Secondo uno studio, l'irradiazione parziale della mammella eseguita sul letto tumorale immediatamente dopo la lumpectomia può essere tanto sicura ed efficace quanto le settimane di radioterapia a cui sono generalmente sottoposti i pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale. Tuttavia, tutti i pazienti così trattati devono essere attentamente selezionati (ad esempio, non devono presentare patologie multifocali o DCIS estese).
Il potenziale per la semina tumorale lungo il percorso dell'ago è stato a lungo una preoccupazione per le biopsie del cancro al seno. Esistono prove che suggeriscono che tale semina può e si verifica fino alla metà del tempo. Tuttavia, la maggior parte delle cellule tumorali disperse in questo modo non sopravvive. Tuttavia, sono stati descritti casi in cui sono state riscontrate recidive locali nel percorso bioptico. L'irradiazione del percorso nell'irradiazione tradizionale del seno intero contribuisce probabilmente all'eradicazione delle cellule tumorali che vengono rimosse durante la biopsia. Esiste il rischio di semina del tratto dell'ago se il percorso dell'ago utilizzato nella biopsia non viene successivamente irradiato durante l'irradiazione parziale del seno.

I virus possono influenzare lo sviluppo del carcinoma mammario duttale?

Lo sviluppo del carcinoma mammario duttale e il suo grado di aggressività potrebbero essere influenzati dai virus . Sequenze di virus del tumore mammario del topo (presenti in tumori mammari del topo presenti in natura) sono state riscontrate nei tumori al seno umani, ma non nel normale tessuto mammario. Il papillomavirus umano ( HPV ), che causa la maggior parte dei casi di cancro cervicale, è stato trovato anche nei tessuti del cancro al seno. È stato riportato che le donne con carcinoma mammario HPV-positivo sono significativamente più giovani delle donne con carcinoma mammario HPV-negativo, suggerendo un diverso percorso di sviluppo per le donne più giovani che implicano un ruolo causale per HPV. Il virus della leucemia bovina BLV, che si stima infetti la maggior parte delle mandrie di bovini statunitensi, è ritenuto da alcuni osservatori in grado di contribuire allo sviluppo del carcinoma mammario umano. Molte donne hanno anticorpi contro il virus della leucemia bovina, che indica l'esposizione al virus. Tuttavia, la causalità non è stata dimostrata per nessun virus fino ad oggi.

Per maggiori informazioni vai su www.senologia.eu   a cura del Prof. Massimo Vergine 

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella