Passa ai contenuti principali

Tipi di tumori alla mammella-classificazione

Il carcinoma mammario è classificato in vari modi per tipo istologico, tipo di recettore e fenotipo molecolare.

Tipi di carcinoma mammario-quadro istologico

Carcinoma mammario invasivo

L'istologia si riferisce alla struttura microscopica dei tessuti. Il carcinoma mammario invasivo o infiltrante è caratterizzato da cellule tumorali che hanno invaso il tessuto circostante sano. Il carcinoma mammario invasivo è diviso in cinque principali tipi istologici:
  • Carcinoma duttale - si sviluppa nei dotti del latte del seno - fino al 75% dei casi
  • Carcinoma lobulare - si forma nelle cellule che rivestono le ghiandole che producono latte (lobuli) - fino al 15% dei casi
  • Carcinoma mucinoso - le cellule tumorali sono scarsamente definite e producono muco - fino al 2% dei casi
  • Carcinoma cistico dell'adenoide - le cellule tumorali assomigliano alle cellule adenoide (ghiandolare) e cistica - estremamente rare
  • Tumori misti - le cellule tumorali sono di diversi tipi in un tumore, ad esempio duttale e lobulare - rare.
Il carcinoma duttale ha alcuni sottotipi meno comuni:
  • Carcinoma midollare - inizia nei dotti del latte, ma le cellule tumorali assomigliano al midollo (materia grigia) del cervello - fino al 15% di tutti i casi di carcinoma mammario
  • Carcinoma mammario infiammatorio - inizia nei dotti del latte, ma è caratterizzato dal coinvolgimento della pelle - fino al 3% dei casi
  • Carcinoma tubulare - le cellule tumorali hanno una struttura tubolare se osservate al microscopio - fino al 2% dei casi
  • Malattia di Piaget del capezzolo - caratterizzata dal coinvolgimento del capezzolo - meno dell'1% dei casi
  • Carcinoma metaplastico - inizia nei dotti del latte, ma il tumore contiene cellule non mammarie (ad es. Pelle, ossa) - estremamente rare.
  • Mentre la maggior parte dei tumori al seno sono carcinomi, esistono due tipi di sarcomi al seno, che si formano nel tessuto connettivo:
    • L'angiosarcoma - forme nelle cellule che rivestono i vasi sanguigni nella zona del seno o delle ascelle - estremamente raro
    • Tumore dei fillodi - si forma nel tessuto connettivo del seno. Il tumore ha un modello di crescita a forma di foglia - estremamente raro. Può essere benigno, maligno o borderline (tra non canceroso e canceroso).

    Carcinoma mammario non invasivo

    Il carcinoma mammario non invasivo, che non si è infiltrato nel tessuto circostante sano e non è considerato in grado di diffondersi ad altre parti del corpo, è diviso in due principali tipi istologici:
    • Carcinoma duttale in situ ( DCIS ) - le cellule tumorali duttali si formano ma rimangono all'interno dei dotti del latte del seno
    • Carcinoma lobulare in situ ( LCIS ), noto anche come neoplasia lobulare - le cellule anormali riempiono le ghiandole che producono latte (lobuli).
    Sia DCIS che LCIS aumentano la possibilità di carcinoma mammario invasivo, sebbene sia più probabile che DCIS lo induca. Il successivo carcinoma mammario invasivo può essere di tipo diverso. Ad esempio, una donna con LCIS può sviluppare il carcinoma mammario duttale. Il carcinoma papillare è un tipo di DCIS che raramente diventa invasivo. La maggior parte dei casi di carcinoma mammario maschile (fino al 90%) sono carcinomi duttali positivi al recettore ormonale. Il resto è principalmente DCIS.

    Tipi di recettori

    Il cancro al seno è anche classificato in base allo stato del recettore delle cellule tumorali. I recettori sono proteine ​​presenti su alcune cellule a cui si legano ormoni come estrogeni e altri composti. Ad esempio, le cellule tumorali positive al recettore degli estrogeni (ER +) contengono la proteina del recettore degli estrogeni. Le cellule tumorali al seno sono classificate in base ai seguenti tipi principali di recettori:
    • Recettore degli estrogeni - può essere positivo (ER +) o negativo (ER-)
    • Recettore del progesterone - può essere positivo (PR +) o negativo (PR-)
    • HER2 / neu - può essere HER2 / neu sovraespressione (a volte indicato come HER2 positivo) oppure no.
    In generale, ciascuno dei principali tipi istologici può avere qualsiasi combinazione di stato del recettore. Ad esempio, il carcinoma mammario lobulare può avere lo stato ER- / PR-, sebbene sia più probabile che lobulare sia ER + / PR + (noto anche come recettore ormonale positivo). Il triplo negativo si riferisce al carcinoma mammario che è negativo per il recettore degli estrogeni (ER-), negativo per il recettore del progesterone (PR-) e non sovraesprime l'HER2 (recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano). Esistono quattro possibili combinazioni di stato del recettore degli estrogeni e del progesterone: ER + / PR +, ER + / PR- , ER- / PR + e ER- / PR-. I recettori degli estrogeni sono stati ulteriormente classificati in due tipi: recettore estrogeno-alfa e recettore estrogeno-beta (ERα ed ERβ). Alcuni composti che si legano all'ERα non si legano all'errogeno ERβ e viceversa.
    Esistono molti altri tipi di recettori che influenzano il cancro al seno e normalmente non saranno inclusi nella patologia del carcinoma mammario di routine, ma le cui azioni possono essere valutate negli studi sul cancro al seno. Esempi sono il fattore di crescita endoteliale vascolare ( VEGF ), il fattore di crescita insulino-simile (IGF) e il recettore degli androgeni (la malattia AR - AR + è nota come carcinoma apocrino).

    Fenotipi molecolari: tipi di carcinoma mammario luminale, HER2 e basale

    Le ghiandole mammarie sono costituite principalmente da cellule basali e cellule luminali. Le cellule luminali sono progettate per secernere acqua e sostanze nutritive per produrre latte materno, mentre le cellule basali aiutano a incanalare il latte attraverso i rami duttali (mediante contrazione). I ricercatori stanno sempre più classificando il carcinoma mammario a seconda che si tratti di luminale, basale (noto anche come simile a basale) o HER2 positivo. Questi sono fenotipi molecolari, determinati dalla profilazione dell'espressione genica. Sulla base dell'espressione genica completa, il carcinoma mammario può essere diviso in luminale (che esprime le citocheratine luminali 8 e 18), basale (caratterizzato da citocheratine 5 e 17) e HER positivo (principalmente, ma non tutti, HER2 amplificato). I tumori luminali possono essere ulteriormente suddivisi in luminali A e luminali B. Si spera che queste nuove classificazioni aiuteranno a personalizzare il trattamento del carcinoma mammario, ad esempio identificando quelli che hanno maggiori probabilità di beneficiare di un determinato tipo di chemioterapia.
    In pratica, questi tipi di carcinoma mammario sono spesso definiti utilizzando i marcatori di sottotipo di recettore sopra, raggruppati in modi considerati approssimazioni ragionevoli dei fenotipi molecolari. Pertanto, non esiste un accordo completo sulle caratteristiche di questi tipi. Di seguito sono riportate le descrizioni più comuni che abbiamo riscontrato:
    • Luminale A - forte recettore degli estrogeni positivo (ER +) e recettore del progesterone positivo (PR +) e non iperesprimente HER2, con basso grado tumorale e bassa proliferazione ( Ki-67 <15%). I tumori ER + / PR + / HER2- sono luminali A. Il sottotipo luminale A rappresenta fino al 60% di tutti i pazienti con carcinoma mammario.
    • Luminale B - ER + / PR + da debole a moderato. Può essere HER2- o HER2 +. Può avere un basso grado tumorale, ma con una maggiore proliferazione e instabilità del DNA rispetto ai tumori luminali A. ER + / PR- e ER- / PR + sono normalmente luminescenti B
    • HER2 + - HER2 / neu sovraespressione
    • Basale o simil-basale - molto spesso triplo negativo, cioè ER- / PR- / HER2-. Tuttavia, non tutti i tumori basali sono tripli negativi e non tutti i tumori tripli negativi sono basali.
    Sono stati descritti anche altri due tipi, a bassa claudina e di tipo normale, ma queste categorie sembrano essere utilizzate principalmente in studi incentrati sul fenotipo e non sono di uso generale.
     

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella