Passa ai contenuti principali

Carcinoma mammario triplo negativo


Carcinoma mammario triplo negativo.

 

Fino al 20 percento dei tumori al seno invasivi è classificato come triplo negativo, il che si riferisce al fatto che il tumore è recettore degli estrogeni negativo (ER-), recettore del progesterone negativo (ER-) e HER2 / neu negativo.
  In altre parole, i tumori al seno tripli negativi non esprimono recettori per estrogeni o progesterone e non sovraesprimono l'HER2. Il carcinoma mammario triplo negativo è anche classificato come carcinoma mammario basale o basale da alcuni ricercatori.
I trattamenti che riducono la produzione di estrogeni o ne bloccano gli effetti nel corpo non sono utili per questo tipo di tumore al seno. Le donne con sindrome metabolica hanno maggiori probabilità di avere un carcinoma mammario triplo negativo al momento della diagnosi rispetto alle donne senza di essa.
L'infiammazione sistemica ha dimostrato di aumentare il comportamento metastatico delle cellule triplo negative del carcinoma mammario.

Caratteristiche delle donne con carcinoma mammario triplo negativo

Le donne con diagnosi di carcinoma mammario triplo negativo hanno maggiori probabilità di essere in premenopausa rispetto alle donne con carcinoma mammario recettore ormonale positivo. Hanno anche maggiori probabilità di essere afroamericani o latini ; tra i pazienti affetti da cancro al seno negli Stati Uniti, circa il 12% dei caucasici, il 20% delle latine e il 28% degli afroamericani hanno un triplo negativo al seno. Uno studio ha scoperto che il 48% dei portatori di mutazione BRCA1 presentava un carcinoma mammario triplo negativo rispetto al solo 12% dei non portatori.

Alcuni farmaci soggetti a prescrizione medica possono aumentare il rischio ER- / PR- / HER2-

L'uso di inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil e Prozac è sospettato di aumentare il rischio di carcinoma mammario (ER- / PR-) nelle donne anziane. È stato riscontrato che l'uso di pillole anticoncezionali è associato al rischio di carcinoma mammario triplo negativo nelle donne più giovani.

La malattia tripla negativa risponde spesso alla chemioterapia

Il carcinoma mammario triplo negativo risponde più spesso alla chemioterapia rispetto al carcinoma mammario positivo al recettore ormonale. D'altro canto, i trattamenti ormonali a lungo termine ( tamoxifene , inibitori dell'aromatasi ), utilizzati per i sottotipi di ER +, non sono efficaci per il carcinoma mammario triplo negativo poiché l'estrogeno non è il principale motore della crescita. Pertanto, è importante che le persone con carcinoma mammario triplo negativo abbiano un intervento chirurgico (e ottengano margini chirurgici puliti ) e completino la chemioterapia che sarà probabilmente prescritta. Il periodo di trattamento iniziale offre la migliore opportunità per una remissione lunga o permanente. Si prega di consultare il nostro articolo sulla prognosi tripla negativa . Si noti che uno studio del 2015 ha riportato che gli ormoni dello stress hanno ridotto l'efficacia di Taxol nelle cellule di carcinoma mammario triplo negativo.

I giovani pazienti tripli negativi devono essere considerati per i test di mutazione BRCA

Almeno il 10% dei pazienti con carcinoma mammario triplo negativo in premenopausa presenta mutazioni BRCA1 . Diversi ricercatori hanno suggerito che tutte le donne sotto i 50 anni con tripla malattia negativa dovrebbero essere testate, anche in assenza di una storia familiare . Tuttavia, la maggior parte delle donne senza carcinoma mammario familiare non si qualificherebbe per i test secondo le attuali linee guida.

per maggiori informazioni sul tumore al seno   www.senologia.eu 

Commenti

Post popolari in questo blog

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella