Passa ai contenuti principali

Visita senologica a Roma

Visita senologica a Roma-
Prof. Massimo Vergine- Roma

Quando sottoporsi ad una visita senologica?
In cosa consiste la visita senologica?

La visita senologica consiste in un esame clinico completo delle mammelle, attraverso il quale il senologo deciderà se vi è ulteriore bisogno di altri accertamenti strumentali per arrivare ad una diagnosi .L’obiettivo della visita senologica è quello di individuare la presenza di patologie mammarie. Per effettuare una buona visita senologica il senologo si avvale dell’anamnesi, dell’ispezione e della palpazione.

      

Visita Senologica - Anamnesi


L’anamnesi consiste nella raccolta delle informazioni personali e familiari che danno un quadro generale sulla paziente. Si prendono quindi informazioni in base all’età sulla situazione del ciclo ormonale , ed eventuali irregolarità del ciclo, se in menopausa, sul numero di gravidanze e dell’allattamento.
Quindi si passa alla raccolta delle informazioni su pregresse malattie e su eventuali terapie mediche e chirurgiche e su malattie attuali. Molto importante nel corso della visita senologica  sapere se la paziente fa uso di pillola estroprogestinica, di terapie ormonali sostitutive o su pregresse stimolazioni ormonali per gravidanze.
Inoltre va indagata la presenza di familiari con pregresse malattie tumorali della mammella soprattutto se interessate la madre, nonna o sorelle . In questo caso si valuterà un indicazione al colloquio con il genetista , il quale valuterà se vi sarà indicazione al test genetico per escludere eventuali  mutazioni genetiche , quali il Brca1 e il Brca2.
Quindi si valuta se la paziente accusa dolore alla mammella, se ha delle secrezioni dal capezzolo o dai capezzoli, se queste sono spontanee o provocate spremendo il capezzolo e sul colore delle secrezioni.
A questo punto si prenderà visione di tutti i pregressi esami strumentali e su cartelle cliniche precedenti se ha subito interventi e sui più recenti esami strumentali quali ecografia , mammografie ecc..

Visita senologica - Ispezione


Per convenzione la mammella si divide in quatro quadranti suddividendo due linee perpendicolari passanti per il capezzolo (quadrante supero esterno ,supero-interno, infero-interno ,infero-esterno)
Si valutano quindi la forma delle mammelle, le dimensioni la simmetria il colre della cute e se vi sono lesioni sulla cute stessa quali retrazioni, tumefazioni , infiammazioni , escoriazioni soprattutto sul capezzolo.
Attraverso l’ispezione possiamo già valutare se ci sono anomalie congenite od acquisite, quali soprattutto asimmetria mammaria *mammelle di differenti volume oppure ipoplasia mammaria, seno tuberoso, capezzoli introflessi.

Visita senologica-Palpazione

Vari tipi di palpazioni esistono ma ogni senologo esperto pratica quella con la quale si sente più sicuro. Di solito la visita senologica  si effettua prima a paziente seduta e con le braccia dietro alla testa e poi eventualmente da supina. Si esercita dapprima una pressione leggera e poi leggermente più energica.
Se si apprezzano delle neoformazioni o dei noduli si valuta le possibili dimensioni, consistenza e i rapporti con la cute e con il piano profondo.
Si palpano quindi alla fine della visita senologica   i cavi ascellari per apprezzare eventuale presenza e consistenza di linfonodi per finire quindi palpando le fossette sovraclaveari sempre per valutare presenza di eventuali linfonodi.

Bibliografia: Senologia- F.Rovera e coll.  Ediszioni Edra
                  Trattato di senologia-s. Modena-edizioni Piccin


                                                            Prof. Massimo Vergine-Roma

                                   Chirurgia oncoplastica della mammella
                                    Breast Unit Policlinico Umberto I-Roma


Per maggiori informazioni vai     su www.senologia.eu

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…