Passa ai contenuti principali

Coronavirus e terapia ormonale per tumore al seno

L 'ormonoterapia rimane imprescindibile per ridurre il rischio di recidiva di un tumore al seno. Il Coronavirus non deve cambiare le modalità di assunzione della terapia ormonale


Buonasera, io sto assumendo il tamoxifene per il decimo anno, forse l'ultimo. Vorrei sapere se, con l'epidemia in atto, corro maggiori rischi. Come devo comportarmi?
(domanda ricevuta su Facebook)

Risponde Saverio Cinieri, responsabile dell'unità operativa di oncologia medica e della breast unit dell'ospedale Perrino di Brindisi e presidente eletto dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom)

L'ormonoterapia per ridurre il rischio di recidiva di un tumore al seno prevede l'utilizzo di farmaci che basano la loro azione sul blocco della sintesi di estrogeni a livello delle ghiandole surrenali. Tra questi vi è il tamoxifene, una delle prime molecole utilizzate con questo scopo nelle donne ammalatesi in premenopausa. Ve ne sono altri, appartenenti alla famiglia degli inibitori dell'aromatasi (exemestane, letrozolo, anastrozolo) che vengono invece assunti dalle donne che scoprono di avere la malattia già in menopausa.

In Italia, considerato l'ampio numero di persone ogni anno colpite da un tumore al seno (53.500 nel 2019), sono milioni le donne che seguono una terapia di questo tipo. E, nel corso dell'epidemia da Coronavirus, molte pazienti si stanno chiedendo se tutte le diverse terapie ormonali in uso (tamoxifene, fulvestrante e inibitori dell'aromatasi come letrozolo, anastrozolo ed exemestane) possano indebolire o quanto meno interagire con il sistema immunitario.

La risposta al suo quesito è negativa. I farmaci con il tamoxifene non riducono le difese del nostro organismo e non rendono le donne che li assumono più vulnerabili al Coronavirus. L'invito è quello di portare avanti le terapie come fatto finora e di seguire le indicazioni generali rivolte ai pazienti oncologici. Nel caso in cui dovessero subentrare altre necessità, naturalmente, non esiti a contattare il suo oncologo di riferimento.

Fonte: Fondazione Umberto Veronesi

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…