Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta terapia ormonale sostitutiva

La terapia ormonale sostitutiva e il tumore al seno

La terapia ormonale sostitutiva ( TOS ) normalmente composta da estrogeni più progestinici , potrebbe provocare  un aumentato rischio di carcinoma mammario. La terapia ormonale sostitutiva promuove alcuni tipi di cancro al seno più di altri e alcune donne sono più sensibili agli effetti della terapia ormonale sostitutiva rispetto ad altri. L'uso a breve termine è più sicuro dell'uso a lungo termine, ma anche l'uso a breve termine può aumentare il rischio di cancro al seno. La terapia ormonale sostitutiva aumenta il rischio in più per le donne in perimenopausa e in menopausa rispetto alle donne anziane. Uno studio del 2015 ha riportato che l'uso della TOS annulla i benefici dell'esercizio fisico nel ridurre il rischio di cancro al seno. In generale, la TOS a base di soli estrogeni è più sicura della TOS combinata, ma ciò non vale per le donne ad alto rischio che potrebbero già avere tumori piccoli e non rilevati. Qualsiasi forma di terapia ormonale sostitu…

Terapia ormonale sostitutiva e tumore al seno

Il rapporto tra terapie ormonali sostitutive in menopausa e rischio di sviluppare alcune forme tumorali è ormai da decenni un argomento piuttosto dibattuto. Cerchiamo di fare un po' di chiarezza sull'argomento.
Fino al 2000 i ginecologi hanno prescrritto in abbondanza terapie ormonali sostitutive (TOS), richieste dalle stesse donne per tamponare i sintomi della menopausa quali insonnia, vampate,irritazione,depressione,secchezza vaginale,osteoporosi ,dolori ossei,affaticamento cardiaco,alterazione della pressione arteriosa, aumento di peso.
L’aumento di rischio del tumore mammario associato all’uso prolungato di terapia ormonale sostitutiva (TOS)è stato collegato ad una aumentata espressione dei recettori estrogenici nel tessuto mammario.
Bisogna comunque considerare per molte donne dopo aver iniziato la terapia ormonale sostitutiva la qualità di vita è notevolmente migliorata.
Già Umberto Veronesi proprio per azzerare il rischio oncologico consigliava di associare minime quantità…