Passa ai contenuti principali

Carcinomi invasivi-infiltranti della mammella


Affrontiamo oggi i tumori mammari di tipo invasivo, detti anche carcinomi infiltranti della mammella 

Quando i tumori al seno si sono diffusi dal loro luogo di origine (dotti mammari o lobuli) nel tessuto mammario circostante, sono classificati come tumori invasivi o infiltranti. Ciò significa che hanno la capacità  di invadere i vasi sanguigni e linfatici e di diffondersi (metastatizzare) in altre parti del corpo.

Tipi di cancro  invasivo della mammella

    Carcinoma invasivo NST (noto anche come carcinoma  duttale-invasivo della mammella CDI)
    Questo è il tipo più comune di cancro al seno, che si verifica in circa l'80% dei casi e può verificarsi negli uomini e nelle donne. Viene spesso descritto su un rapporto di patologia come NST (nessun tipo speciale) o NOS (non altrimenti specificato) in quanto non ha caratteristiche distintive particolari se visto al microscopio, a differenza dei tipi speciali più rari. Sorge nelle cellule che rivestono i dotti mammari e invade attraverso la parete del dotto nel tessuto mammario circostante. -

    Carcinoma lobulare invasivo (CLI) Il carcinoma lobulare invasivo della mammella è un tumore che si è diffuso dai lobuli del seno al tessuto circostante. È il secondo tipo più comune di cancro al seno, che si verifica nell'8-10% di tutti i casi. Può essere multifocale (si trova in più di un punto nel seno) e talvolta si trova in entrambi i seni.

    Talvolta l'ILC può essere difficile da rilevare mediante esame fisico o mammografia poiché le cellule tendono a formarsi in filamenti a file singolo che non provocano tanta distorsione del tessuto mammario e possono presentarsi come ispessimento del tessuto mammario piuttosto che duro massa.

    Perché a volte può essere difficile da diagnosticare, il cancro lobulare è spesso più grande quando si trova rispetto ad altri tipi di cancro al seno. Tende a verificarsi più spesso nelle donne di età superiore ai 45 anni ed è raro negli uomini. Il carcinoma lobulare classico tende ad essere di grado 2 e recettore ormonale positivo. Esistono sottotipi più rari, come il carcinoma lobulare pleomorfo, che tendono ad essere di grado superiore e non rispondono all'ormone.

Ricordiamo sempre che i tumori che interessano il solo strato epiteliale senza superare la membrana basale e quindi incapaci di diffondersi nella ghiandola mammaria vendono detti  CARCINOMI  IN SITU e si distinguono in DUTTALIIN SITU e LOBULARI IN SITU

In base allo stato recettoriale e all’espressione dell’HER2 si riconoscono ufficialmente 5 classi molecolari con relative diverse prognosi e risposte terapeutiche

Luminale A (40-55% dei casi) : è la più frequente e con prognosi migliore: sono carcinomi che esprimono i recettori per estrogeni(ER) e progesterone(PR)  e negative per HER2  e indice di proliferazione (Ki 67 ) al di sotto del 20%: Di solito rispondono bene all’ormonoterapia , è un po meno alla chemioterapia.

Luminale B Her2 negativo: (6-10%) esprimono i recettori ormonali e non esprimono il fattore HER” con indice di proliferazione superiore al 20% :  rispondono di solito sia alla chemioterapia che alla ormonoterapia.

Luminale B Her 2 positivo: (15-20%) esprimono tutti e tre i recettori e di solito hanno un indice di proliferazione medio –alto .- Rispondono bene alla chemioterapia e ad un anticorpo monoclonale elettivo per il fattore Her 2 che si chiama HERCEPTIN

Her 2 positivi- !0% dei casi: mnon esprimono i recettori ormonali ma solamente il recettore Her 2. Sono spesso molto aggressivi e si giovano prevalentemente della terapia con l’anticorpo monoclonale herceptin

Triplo negativo (15 % dei casi ).  Sono tumori che non espimono nessun recettore e di solito hanno un indice di proliferazione molto alto  e sono molto aggressivi, Sono tumori che rispondono comunque molto bene alla chemioterapia 

Per maggiori informazioni sul tumore della mammella  www.senologia,eu

A cura del Prof. Massimo Vergine

Post popolari in questo blog

Alimentazione e trattamento con Tamoxifene

Il tamoxifene (Nolvadex) è una terapia ormonale efficace nella prevenzione e nel trattamento del carcinoma mammario positivo ai recettori per gli estrogeni (ER +). Da numerosi studi scientifici è stato valutato che le donne che assumono i trattamenti antiestrogeni prescritti presentano tassi di recidiva e sopravvivenza migliori rispetto alle donne che non assumono la terapia ormonale. Ci sono alcuni alimenti che sembrano migliorare l'efficacia del trattamento 

con tamoxifene e altri che lo riducono.
Il tamoxifene è associato ad un rischio più elevato di carcinoma dell'endometrio per le donne che non hanno avuto un'isterectomia e un rischio maggiore di sviluppare problemi di coagulazione , tra gli altri effetti collaterali. Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che possono proteggere dal cancro dell'endometrio senza interferire con l'efficacia del tamoxifene. Alcuni antidepressivi selettivi dell'inibitore del reuptake della serotonina (SSRI) come Paxil (paroxetina) …

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

La terapia ormonale ( ormonoterapia) nel tumore della mammella

 Molte pazienti chiedono alcune informazioni sulla terapia ormonale; inserisco quindi alcune informazioni generali su questo argomento
Che cosa è la terapia ormonale detta anche ormonoterapia ? L’ormonoterapia, o terapia ormonale, consiste nella somministrazione di farmaci in grado di interferire con l’attività degli estrogeni, ormoni ritenuti coinvolti nell’insorgenze e nello sviluppo di almeno due terzi dei tumori mammari. Per tale motivo si ritiene che la loro riduzione possa essere un trattamento efficace. I meccanismi di azione fondamentali dell’ormonoterapia sono sostanzialmente tre:
1. impedire alla cellula tumorale di essere influenzata dagli ormoni prodotti dall’organismo attraverso la somministrazione di un antiestrogeno (Tamoxifen);
2. inibire la produzione di estrogeni, bloccando l’azione di un enzima, aromatasi, che trasforma gli androgeni in estrogeni (inibitori dell’aromatasi);
3. inibire la produzione degli estrogeni prodotti dalle ovaie utilizzando gli analoghi dell’LHRH (ablazi…