Passa ai contenuti principali

Post

Zucchero e cancro

Il ruolo dello zucchero nel cancro.
Recentemente ho letto molti articoli che ormai danno per certa una correlazione tra abuso di zuccheri e tumore. Il biologo tedesco Otto Heinrich Warburg ( insignito del Nobel per la medicina) ha scoperto che il metabolismo dei tumori maligni dipende molto dal consumo di zucchero. Lo zucchero e in generale le farine bianche una volta ingerite fanno rapidamente salite il tasso di glucosio nel sangue e più questo sale e maggiore è il cosiddetto “indice glicemico”, richiedendo la produzione di insulina per permettere la scissione e l’utilizzo da parte delle cellule. Oltre all’insulina viene rilasciata anche un'altra molecola detta IGF (INsulin-LIKE Growt Factor-I ) che ha la proprietà di stimolare la crescita cellulare . Inoltre sia l’insulina che che lIGF possonoi innescare i fenomeni di infiammazione. E stimolare la crescita delle cellule tumorali (1) Ognuno di noi quindi è libero di scegliere se diminuire il consumo alimentare di zuccheri e farine …

Tumore al seno, l’importanza dell’autopalpazione. Incontro all’Aou di Ferrara

Ferrara, 16 aprile 2018 – “Autopalpazione: perché, come e quando utilizzare il primo strumento di ‘prevenzione’ del tumore al seno” è il titolo dell’iniziativa, organizzata dal PDTA Mammella, che si terrà mercoledì 18 aprile dalle ore 15.30 alle 17.30 presso la sala riunioni della Medicina Nucleare (T.01.07) al 2C0 dell’Ospedale di Cona. L’incontro, aperto a tutta la popolazione, sia maschile che femminile, è organizzato nell’ambito delle iniziative di (H)Open Week 2018 in occasione della Giornata Nazionale della Salute della Donna. L’autopalpazione è il primo strumento di ‘prevenzione’ del tumore del seno. Si tratta di un test di autovalutazione, semplice da apprendere e da eseguire, nonché privo di costi, che rappresenta in realtà un’arma fondamentale nella prevenzione del tumore al seno. Dovrebbe essere insegnata sistematicamente a tutte le giovani donne, in modo che, a partire dai 20 anni, possa essere eseguita da ognuna, a cadenza mensile, una settimana dopo la fine delle mestrua…

Komen, maratona contro il cancro al seno: «La prevenzione salva la vita»

Le attrici Crescentini e Villoresi protagoniste dello spot della Race for the cure 2018.,in programma dal 17 al 20 maggio. L’associazione Komen gira l’Italia con le cliniche mobili per fornire visite gratuiteRace for Cure 2018 .Quest'anno la maratona a favore della lotta al tumore al seno organizzata dall'associazione Susan G. Komen viene presentata da uno spot a firna di Francesca Archibugi. Altri due spot sono presentati da Carolina Crescentini e Pamela Villoresi.L’organizzazione, che dal 2000 ha raccolto 15 milioni di euro, con le cliniche mobili gira l’Italia fornendo informazioni e visite gratuite alle donne che per paura, mancanza d’informazione o possibilità, non si sottopongono agli screening. Basterebbe una mammografia ogni anno dai 40 anni in su, e un’ecografia almeno una volta ogni due a partire dai 20 anni: «Oltre ad aumentare la possibilità di guarigione - spiega il professor Riccardo Masetti, presidente dell’Associazione - la diagnosi precoce dà la pos…

Cos'è lo screening ginecologico e linee guida del Ministero della Salute

Cos'è lo screening ginecologico e linee guida del Ministero della Salute
Screening ginecologico, cos'è? Quali sono le linee guida del Ministero della Salute per gli esami gratuiti previsti in Italia.
Cos'è lo screening ginecologico? E' uno strumento utile per la prevenzione delle patologie a carico del collo dell'utero, ma anche delle ovaie, delle tube, dell'endometrio. Il tumore del collo dell'utero è al quinto posto per incidenza, subito dopo il cancro al seno, il tumore del colon retto, il cancro del polmone e quello dell'endometrio.
I controlli periodici sono il miglior strumento di prevenzione che possiamo utilizzare. Quali sono gli screening ginecologici che vengono consigliati alle donne? E quali sono le linee guida del Ministero della Salute?
Screening ginecologici e linee guida
Le linee guida del Ministero della Salute per gli screening ginecologici individuano principalmente quattro patologie da tenere d'occhio: per ognuna di esse s…

Cancro al seno triplo negativo, carboplatino utile nella chemioneoadiuvante

Il carboplatino dovrebbe essere considerato come un potenziale componente della chemioterapia neoadiuvante per le donne che hanno un carcinoma mammario triplo negativo ad alto rischio, indipendentemente dallo stato mutazionale dei geni BRCA 1/2. A suggerirlo sono i risultati dello studio multicentrico internazionale BrighTNess, da poco pubblicato su The Lancet Oncology.

Il carboplatino dovrebbe essere considerato come un potenziale componente della chemioterapia neoadiuvante per le donne che hanno un carcinoma mammario triplo negativo ad alto rischio, indipendentemente dallo stato mutazionale dei geni BRCA 1/2. A suggerirlo sono i risultati dello studio multicentrico internazionale BrighTNess, da poco pubblicato su The Lancet Oncology.

"Lo studio BrighTNess ha confermato l'importanza di aggiungere il carboplatino a paclitaxel nel carcinoma mammario triplo negativo, indipendentemente dalla presenza o meno di una mutazione germinale di BRCA 1/2” ha dichiarato la pr…

La Mastopatia Fibrocistica-diagnosi e trattamento

Mammelle tuberose: cause e tecnica chirurgiche di correzione

La mammella tuberosa  è una malformazione di sviluppo ghiandolare così chiamata per la somiglianza con una radice tuberiforme.
La base della mammella è ridotta sia nel diametro orizzontale che nel diametro ventrale e durante lo sviluppo si proietta in avanti ma non raggiunge la caratteristica di mammella normale.
I primi chirurghi che negli anni 70 hanno studiato la malformazione della mammella tuberosa dal punto di vista anatomico hanno concluso sulle seguenti alterazioni
1) ipertrofia del complesso areola-capezzolo
2) pseudoerniazione del contenuto mammario attraverso l'areola
3) ipoplasia mammaria frequentemente associata ad asimmetria
4) restringimento verticale con riduzione del diametro super-inferiore della base della mammella
5) restringimento del diametro trasversale della base della mammella

Possibili cause del seno tuberoso Durante l'età puberale con lo stimolo ormonale si verifica di solito lo sviluppo della mammella sia della base che della proiezione in avanti.
S…

Regione Lazio: cresce prevenzione tumori, aumentano gli screening

Regione Lazio: cresce prevenzione tumori, aumentano gli screening 51mila adesioni in più nel 2017
“Sono state 51.141 le adesioni in più nel 2017 per le campagne di screening gratuite alla mammella, alla cervice uterina e al colon retto del sistema sanitario regionale. Il numero di adesioni per la prima volta ha superato quota mezzo milione raggiungendo 516.622 cittadini. Ciò ha consentito di diagnosticare 5.166 tumori”. Lo comunica in una nota la Regione Lazio che spiega: “nello specifico il maggiore incremento è del colon retto con 40.487 adesioni in più, segue lo screening del tumore alla mammella +8.855 ed infine alla cervice uterina 1.799. Per la prima volta il Lazio raggiunge la soglia dei livelli essenziali di assistenza in tutti e tre gli screening. Ora dobbiamo continuare a migliorare garantendo qualità e tempestività ricordando l’importanza di aderire agli inviti che arrivano al domicilio dei cittadini e delle cittadine. L’adesione è completamente gratuita e non…

Integratore di mela annurca contro caduta capelli in chemioterapia

E'  l'effetto collaterale che colpisce maggiormente la psiche, soprattutto nelle donne: la caduta dei capelli durante i cicli di chemioterapia. Un problema che potrebbe presto essere risolto. L'aiuto arriva dalla natura, non da un farmaco ma da un integratore a base di mela annurca. Lo studio, ancora in fase sperimentale, è condotto dall'Istituto Pascale e dal Dipartimento di Farmacia dell'Università di Napoli Federico II. Partendo da alcuni componenti della mela annurca rivelatisi benefici sulla caduta dei capelli nei soggetti sani, gli scienziati hanno osservato che, somministrando una grossa dose di questo integratore nei soggetti affetti da tumore un mese prima della chemioterapia e continuando durante tutto il ciclo, i capelli in alcuni pazienti non sono caduti. Da qui l'avvio della sperimentazione, frutto di un accordo sottoscritto dal direttore generale del Pascale Attilio Bianchi, dal direttore scientifico dell'Irccs partenopeo Gerardo Botti, da Mic…

Cosa fare in caso di rottura di protesi mammarie dopo mastectomia

ROTTURA PROTESI MAMMARIE DOPO MASTOPLASTICA ADDITIVA

Le pazienti sottoposte a mastoplastica additiva con protesi mammarie al silicone in gel coesivo debbono sapere che le protesi mammarie hanno una durata limitata nel tempo e in caso di rottura o di contrattura capsulare potrebbe essere necessario rimuoverle e sostituirle.

Vari fattori possono concorrere alla rottura protesica, quali ad esempio difetti di produzione (rarissimi), importanti traumi al seno, infezioni,contrattura capsulare e comunque sono soggette a deterioramento con il passare degli anni.

Attualmente l'incidenza di rottura degli impianti protesici è comunemente stimata intorno al 4-6 %

Anche la contrattura capsulare può verificarsi con il passare degli anni e può essere bilaterale o monolaterale. Il tessuto cicatriziale che avvolge la protesi (capsula) può infiammarsi e ispessirsi , strangolarla  e deformarla, con conseguente dolore e  talvolta dislocazione.

SE LA TUA PROTESI MAMMARIA SI ROMPE

Tutte le protesi mamma…

Utilità dei test genomici nel tumore della mammella

Ulteriori conferme per il test Oncotype Dx arrivano dal San Antonio Breast Cancer Symposium. Così è possibile predire l’utilità della chemioterapia per pazienti con tumore al seno sensibile agli estrogeni
Salvavita, eppure tossica. Gli effetti indesiderati della chemioterapia sono ben noti: caduta dei capelli, fatigue, alterazione della funzionalità di fegato e reni, nausea, vomito e disturbi neurologici – solo per dirne alcuni. Per una donna in lotta contro il tumore al seno, sono per forza ripercussioni necessarie? Con l’avvento dei test genomici (o multigenici), da anni, si cerca di dare una risposta personalizzata a questa domanda. Si tratta di esami che analizzano gruppi di geni del tumore, per stimare la risposta alla chemioterapia e la possibilità che si sviluppi una recidiva negli anni. L’obiettivo è capire in quali casi la sola terapia ormonale sia sufficiente a rallentare la progressione del cancro. E dal San Antonio Breast Cancer Symposium, che si è da poco concluso in Tex…